È la prima specie ad aver avuto un'andatura bipede prima dell'Homo: la scoperta degli archeologi è storica - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
È la prima specie ad aver avuto un'andatura…
Dei ricercatori italiani creano un dispositivo che depura l'acqua sfruttando il segreto delle mangrovie Soffri di fatica cronica? Potrebbe dipendere da un sistema immunitario iperattivo

È la prima specie ad aver avuto un'andatura bipede prima dell'Homo: la scoperta degli archeologi è storica

23 Dicembre 2018 • di Claudia Melucci
3.624
Advertisement

La storia dell'archeologia umana potrebbe essere riscritta dallo scheletro di un'esemplare femmina, chiamata Little Foot. Vissuta circa 3,67 milioni di anni fa, mostra i primi segni di un'andatura bipede e potrebbe far parte di una specie distinta, che i ricercatori non avrebbero riconosciuto. I lavori di scavo sono durati 20 anni ed ora che sono terminati i ricercatori tirano le somme dei lavori. 

Il soprannome Little Foot deriva dalle piccole ossa che costituiscono il piede, le prime ad essere state scoperte. La sua storia inizia nel 1994, quando il paleoantropologo Ronald Clarke frugò in alcuni scatoloni nel laboratorio sul campo presso uno scavo archeologico vicino a Johannesburg, in Sudafrica.

Ad una prima indagine, l'esperto stabilì che si trattava di ossa appartenenti ad un esemplare di Australopithecus, un ominide simile ad una scimmia, vissuto prima che il genere Homo si diffuse.

Clarke e i colleghi iniziarono a ricostruire lo scheletro, estraendo tutti i piccoli pezzi di ossa nella matrice: tutto il lavoro richiese 20 anni perché "le ossa erano più morbide del materiale circostante".

Durante gli scavi gli esperti si resero conto della complessità della struttura dei piedi, il che iniziò a far sospettare che Little Foot avesse un'andatura bipede, a differenza degli australopitechi che trascorrevano la maggior parte del tempo sugli alberi.

Non solo, ma gli archeologi riuscirono a completare lo scheletro per quasi il 90%: numeri incredibili se si pensa che l'australopiteco più famoso, Lucy, è completo solo per il 40%. Grazie all'abbondanza di reperti, è stato possibile avanzare l'ipotesi che Little Foot sia appartenuta ad una specie a sé stante, probabilmente coesistita per un breve periodo con le prime specie di Homo. 

Una scoperta di particolare importanza per il settore archeologico, che arricchisce le conoscenze di quella che è stata l'evoluzione che ha portato all'Homo sapiens sapiens. 

Source:

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie