Sono iniziati i test per un contraccettivo ormonale maschile: è un gel e va applicato ogni giorno

Claudia Melucci image
di Claudia Melucci

13 Dicembre 2018

Sono iniziati i test per un contraccettivo ormonale maschile: è un gel e va applicato ogni giorno
Advertisement

È ufficiale, ci sono i primi due uomini che hanno iniziato a testare un metodo contraccettivo ormonale maschile; ne verranno coinvolti altri 420 da varie parti del mondo per ricavare dati attendibili sull'efficacia dell'anticoncezionale alternativo al preservativo o alla vasectomia.

L'esistenza di una barriera che prevenga gravidanze indesiderate sembra essere sempre più una necessità; molte donne non possono assumere farmaci contraccettivi ormonali e sono altrettanti gli uomini che vogliono condividere il "peso" della contraccezione.

via seattletimes.com

pexels.com

pexels.com

Il contraccettivo maschile in questione è un gel da applicare ogni giorno sulla spalla. Essendo un farmaco ormonale, il gel agisce direttamente sulla produzione dell'ormone maschile – il testosterone –, in modo analogo a quanto fa la pillola anticoncezionale femminile con gli ormoni Fsh e Lh. 

Il trattamento interrompe la normale produzione di ormoni nei testicoli, impedendo, di fatto, la produzione di spermatozoi maturi adatti alla fecondazione. 

Il gel, dicono i produttori, va spalmato sulla spalla preferibilmente dopo la doccia, quando la pelle è pulita. Dalla prima applicazione, ci vogliono dagli 8 ai 12 giorni prima che sia efficace nell'azione anticoncezionale. Subito dopo aver messo il gel bisogna accertarsi di non bagnare di nuovo la pelle per almeno quattro ore.

Nelle istruzioni viene anche detto di lavarsi accuratamente le mani e di indossare una maglietta dopo essere entrati in contatto con la sostanza, soprattutto se c'è la possibilità di stare vicino a donne e bambini, in quanto il gel contiene ormoni sessuali maschili.

Advertisement
pixabay.com

pixabay.com

Lo studio proseguirà fino al 2021 e le coppie volontarie proveranno il gel per un anno continuativo. 

Come mai fino ad oggi non è stata mai creata una "pillola" contraccettiva per gli uomini? Le risposte possono essere tante, che vanno da questioni culturali a quelle biologiche; pare, infatti, che le cause farmaceutiche non si siano concentrate molto su un progetto del genere, perché è molto più semplice bloccare uno o due ovuli ogni mese – è il caso della donna – che non milioni di spermatozoi.

In ogni caso, anche questo "ostacolo" potrebbe essere presto superato. Ma come reagiranno uomini e donne davanti alla possibilità di un anticoncezionale maschile? Staremo a vedere! 

Advertisement