Affondò sul territorio americano nel 1565: secondo il tribunale il relitto milionario è proprietà della Francia - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Affondò sul territorio americano nel…
Questi sono i 9 casi in cui un pizzico di insetto richiede cure mediche La NASA lancia una sonda verso il Sole: ecco come riuscirà a non liquefarsi

Affondò sul territorio americano nel 1565: secondo il tribunale il relitto milionario è proprietà della Francia

27 Luglio 2018 • di Laura Gagliardi
4.414
Advertisement

Ci sono storie che riemergono dopo secoli per continuare, dando vita ad odissee che resteranno memorabili - almeno per gli interessati e gli addetti ai lavori. È il caso del relitto trovato al largo di Cape Canaveral, in California; c'è una svolta a riguardo, in quanto il Tribunale degli Stati Uniti d'America ha stabilito che la nave ed il suo contenuto - tre cannoni di bronzo ciascuno del valore di 1 milione di dollari - appartengono alla nazione che la costruì e ne finanziò la spedizione: la Francia.

Di chi è il tesoro? Della società di ricerche sottomarine che ha fatto riemergere il vascello, degli Stati Uniti o della Francia che oltre 5 secoli fa lo costruì?

La nave è stata infatti identificata con La Trinite, l'ammiraglia a 32 cannoni che, sotto la guida del capitano francese Jean Ribault, salpò per colonizzare il Nuovo Mondo nel 1562 e nel 1565. Un disastro navale segnò lo smacco della Francia nella corsa alle colonie, e permise alla Spagna di rafforzare la propria presa sull'odierna Florida. 

Dopo anni di contese dall'anno del ritrovamento (2015) il Tribunale si è finalmente espresso riguardo al legittimo proprietario della nave. È arrivata l'ora della rivalsa per la Francia, che si è vista attribuire dalla corte federale degli Stati Uniti la proprietà della nave. La sentenza ha ovviamente suscitato l'ira della Global Marine Enterprises (GME), la compagnia privata di salvataggio che ha investito denaro nel ritrovamento del relitto, ed ora rischia di perdere i diritti su di essa.

immagine: Unknown/wikipedia

La linea seguita dalla compagnia, nelle parole del suo proprietario, Robert Pritchett, è chiara:"I predoni spagnoli avevano saccheggiato cannoni e monumenti dalla prima colonia francese a Fort Caroline in Florida nel 1565 - e così, erano a bordo di una nave spagnola, probabilmente diretta a Cuba, quando la nave scese dal mare ". Sarebbe quindi impossibile stabilire la proprietà della nave, che rimarrebbe di conseguenza sotto la competenza della GME.

Advertisement

Da parte loro, le autorità francesi appaiono caute e, pur non rivelando il luogo del ritrovamento, sottolineano che si tratta di una scoperta importante che merita un'analisi attenta e rigorosa.

Ad ogni modo, la sentenza proteggerà i manufatti dal relitto dall'essere assorbiti per il momento dalla GME, come afferma James Goold, il legale del governo francese.

Quanto all'incidente che portò la nave ad abissare, si sa che il capitano Ribault e alcuni membri dell'equipaggio sopravvissero all'uragano che distrusse le navi, ma non agli spagnoli. Ribault, infatti, aveva il compito di fondare una colonia protestante nella regione sud-orientale dell'America - l'attuale Jacksonville. Quando i soldati spagnoli, cattolici, appresero che era protestante, Ribault fu trucidato il 12 ottobre 1565 assieme ai suoi uomini.

Source:

Tags: UsaFranciaStoria
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie