Grazie al suo gruppo sanguigno ha salvato più di 2 milioni di bambini: ecco a voi l'uomo "dal braccio d'oro" - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Grazie al suo gruppo sanguigno ha salvato…
Arrivano le protesi per la memoria che aiuteranno a non dimenticare Sviluppato un filtro di grafene che riesce a desalinizzare l'acqua di mare rendendola potabile

Grazie al suo gruppo sanguigno ha salvato più di 2 milioni di bambini: ecco a voi l'uomo "dal braccio d'oro"

16.150
Advertisement

Era il 1951 quando l'australiano James Harrison, all'epoca quattordicenne, veniva ricoverato d'urgenza all'ospedale per un problema che rese indispensabile l'asportazione di un polmone e un ricovero di tre mesi.
In quell'occasione il giovane venne a conoscenza del sistema delle donazioni di sangue e che la sua stessa vita era stata salvata grazie ad esse. Fu così che decise che non appena la legge glielo avesse consentito, sarebbe divenuto un donatore, per ripagare chi lo aveva salvato e dare una speranza a più persone possibili.

Il signor Harrison dovette attendere di compiere di 18 anni prima di poter iniziare a donare il sangue.

Ma da quando fece la sua prima donazione alla Croce Rossa Australiana, non ha mancato mai un appuntamento per ben 60 anni!

Negli anni Sessanta tantissimi neonati venivano a mancare a causa della eritroblastosi fetale, una malattia che può colpire il feto con madre Rh negativa e padre Rh positivo, se il feto è a sua volta Rh positivo.

I medici scoprirono all'epoca che il signor Harrison aveva un tipo di sangue detto D negativo, compatibile con tutti i gruppi sanguigni e privo di anticorpi anti-A e anti-B che rappresentava l'unica speranza di sopravvivenza per questi bambini. Avere questo tipo di sangue è un'eventualità molto rara (in Australia si pensa che ci siano solo 50 persone con questo tipo di sangue) e i medici hanno ipotizzato che il signor Harrison abbia acquisito questa possibilità proprio in seguito alla trasfusione che ricevette all'epoca del suo intervento chirurgico.

Advertisement

Da quel momento, le donazioni di sangue e plasma a cui si sottoponeva Harrison divenivano fonte di vita per tutti i bambini affetti da questa malattia.

È stato calcolato che grazie alle sue 1,173 donazioni, il signor Harrison ha salvato la vita a qualcosa come 2.4 milioni di bambini.

immagine: 9news

Ora, al fine di tutelare la sua stessa salute, la Croce Rossa Australiana ha chiesto all'uomo "dal braccio d'oro" (come lo chiamano loro) di andare in pensione.

immagine: 9news
Advertisement

Tutti i 67 anni di volontariato che ha prestato, però, non sono di certo passati inosservati!

immagine: 9news

Tante famiglie che hanno beneficiato del suo gesto si sono recate ad assistere alla sua ultima donazione. Inutile dirlo, è stato un momento di grande commozione!

immagine: 9news
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie