Un uomo francese sopravvive a 18 ore di arresto cardiaco: i medici spiegano il 'miracolo' - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Un uomo francese sopravvive a 18 ore…
L'Epitaffio di Sicilo è la canzone integrale più antica che sia stata mai ritrovata: risale all'Antica Grecia Fu tra i pochi a guadagnarsi la fiducia dei Nativi Americani: ecco i suoi meravigliosi scatti

Un uomo francese sopravvive a 18 ore di arresto cardiaco: i medici spiegano il 'miracolo'

3.166
Advertisement

L'arresto cardiaco è una delle cause più naturali di morte: semplicemente, il cuore si ferma e, non pulsando, non alimenta il flusso sanguigno agli organi vitali. Le cause che portano all'arresto cardiaco sono varie, dalla malformazione genetica, all'embolia e molte altre ancora. In questi casi il fattore tempo è fondamentale, in quanto le possibilità di sopravvivenza diminuiscono del 10% circa ad ogni minuto che passa senza intervento. I medici di tutto il mondo, però, hanno dovuto prendere atto di un evento assolutamente unico che lascia spazio al caso eccezionale anche nella medicina. 

In Francia, un uomo è sopravvissuto ad un arresto cardiaco di 18 ore.

immagine: Rama/Wikimedia

Le statistiche affermano che le possibilità di sopravvivenza ad un arresto cardiaco si abbassano all'1-10% se l'intervento medico tarda fino a 10 minuti. L'uomo in questione, di cui non si conosce l'identità, se non il fatto che ha 53 anni, non avrebbe dovuto avere quindi nessuna speranza: i medici, chiamati a spigare un evento che già molti definivano un miracolo, hanno affermato che il paziente può ancora dirsi vivo solo perché l'arresto è avvenuto all'aria aperta. L'uomo era andato a trovare il fratello e, sulla strada del ritorno, è stato colto da malore. I familiari ne hanno denunciato la scomparsa ed hanno ritrovato il caro sulla riva di un fiume.

Complice il freddo, che ha praticamente ibernato il corpo dell'uomo, minimizzando i fabbisogni degli organi vitali. L'ipotermia ha dunque protetto l'organismo, anche mentre gli operatori eseguivano il massaggio cardiaco.

Ad oggi, l'uomo, originario di Montpellier, è ancora collegato a dei macchinari che lo aiutano a respirare, ma già può camminare e presto recupererà tutte le funzioni. Un evento straordinario, che mai nessun medico aveva avuto modo di vivere. Anche in medicina, per fortuna, si può essere "l'eccezione che conferma la regola".

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie