I gatti parlano due lingue: una l'hanno sviluppata apposta per farsi capire da noi umani - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
I gatti parlano due lingue: una l'hanno…
5 comportamenti dei genitori giapponesi che dovremmo copiare subito 15 tatuaggi minimal che vi conquisteranno con la loro delicatezza

I gatti parlano due lingue: una l'hanno sviluppata apposta per farsi capire da noi umani

5.413
Advertisement

Come fa il gatto? Miao! Lo impariamo sin da bambini e diamo per scontato che sia il suo modo di "parlare" in generale, ma in una serie di documentari mandati in onda dalla BBC si è parlato di un'interessante teoria sulla comunicazione dei felini: il motivo dietro al loro miagolio sarebbe la necessità di farsi capire dagli esseri umani!
Studiando i comportamenti di questo animale, infatti, è stata notata una palese differenza fra gatti domestici e gatti che vivono in strada...

L'interessante motivo per cui il gatto domestico (adulto) miagola...

Come spiega il biologo e antrozoologo John Bradshaw (Università di Bristol), il gatto sembra aver sviluppato una forma di comunicazione specificamente rivolta agli umani. Osservando il comportamento dei felini, infatti, è apparso chiaro che essi raramente usano il miagolio per comunicare fra di loro, sia nel caso in cui siano gatti di strada, sia quando un gatto domestico interagisce con un altro membro della sua specie. Osservando i loro spostamenti e le interazioni fra felini al di fuori della casa, infatti, i versi rilevati sono di tutt'altra natura fonologica. L'elemento discriminante, dunque, è la presenza di un essere umano.

Il ricorso al miagolio può essere spiegato guardando al comportamento dei cuccioli: "Il miagolio ha inizio nei primissimi giorni di vita come vocalizzo atto ad attirare l'attenzione della mamma. Col passare del tempo, però, i miagolii si riducono, presumibilmente perché iniziano a perdere di efficacia in concomitanza allo svezzamento e alla minore necessità della presenza materna".

Secondo il dottor Bradshaw: "Gli umani non sono esseri particolarmente vigili e i gatti lo hanno capito; per questo, col tempo, hanno imparato a ricorrere a quel mezzo che da piccoli li aiutava ad attirare l'attenzione della mamma".
Il gatto, in sostanza, è consapevole che solo miagolando avrà qualche chance di farsi guardare e "ascoltare" dal padrone. Al contrario delle mamme, fra l'altro, quest'ultimo continuerà sempre a rispondere a questo richiamo perché inconsciamente gli ricorderà quello di un neonato, dimostrando al gatto che si tratta di una strategia efficace!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie