Mandò in tilt Pac-Man: ecco l'uomo che per primo riuscì a giocare la "partita perfetta" - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Mandò in tilt Pac-Man: ecco l'uomo…
16 foto di alimenti dalla forma particolarmente ambigua 900€ al chilo: il formaggio più costoso del mondo è ottenuto col latte d'asino

Mandò in tilt Pac-Man: ecco l'uomo che per primo riuscì a giocare la "partita perfetta"

06 Gennaio 2018 • di Giulia Bertoni
8.108
Advertisement

Pac-Man è un classico dei videogiochi cosiddetti arcade (in cui si gioca in una apposita postazione a gettoni o a monete). Sin da quando venne prodotto nel 1980 dalla software house giapponese Namco, milioni di giovani si sono cimentati nel guidare Pac-Man nel labirinto, ma non sono molti quelli che possono dire di aver fatto la partita perfetta. Fra di loro c'è Billy Mitchell, un uomo che è considerato uno dei più grandi giocatori di videogame arcade di sempre e che nel 1999 fece registrate il punteggio record di 3,333,360.

Billy Mitchell, il primo giocatore a svolgere la partita perfetta

Gli anni Settanta e Ottanta rappresentano il periodo di maggiore successo dei videogiochi arcade. Pac-Man, insieme ad altri come Tetris, Asteroids e Space Invaders, era presente pressoché in tutte le sale giochi. e lì i giovani facevano la fila per fare una partita.
Fra di loro c'era anche Billy Mitchell: "Iniziai con Pinball, poi passai a Donkey Kong ma poi scoprii che il livello massimo di competizione era fra chi giocava a Pac-Man".

Il gioco si compone di 256 livelli

"Per raggiungere il punteggio massimo possibile di 3,333,360 è necessario mangiare in tutti i livelli di gioco tutte le pillole, tutti i fantasmi blu e tutti i bonus che appaiono". Tutto questo richiede un tempo di circa 4-5 ore.

Advertisement

Mitchell divenne la prima persona appurata a segnare questo record con una partita giocata il 4 luglio 1999 al Funspot del New Hampshire, fino al 2008 la sala giochi per videogiochi arcade più grande del mondo.

"Mi resi conto di aver raggiunto un livello di perfezione che nemmeno i creatori del gioco avevano preso in considerazione".

Giunto a quel punteggio infatti, non compariva nessuna scritta di congratulazioni e nemmeno "fine" o "game over". Completato con successo il livello 255, il gioco va in "tilt" e succede che su metà dello schermo compaiano simboli casuali che rendono impossibile il proseguimento del gioco. Come racconta Mitchell stesso in questo video: "Fui io a rendere noto alla Namco di ciò che avveniva allo schermo quando si raggiungeva quel livello".
Il 17 settembre dello stesso anno Mitchell ricevette il premio di giocatore del secolo direttamente dalle mani del fondatore dell'azienda che commercializzava Pac-Man, Masaya Nakamura.

Tags: GiochiRecordStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie