Il primo amore non si scorda mai? Certo... perché è un trauma!

Simone Troja

17 Luglio 2017

Il primo amore non si scorda mai? Certo... perché è un trauma!
Advertisement

Non perché il più romantico e non perché è unico. Il primo amore non si scorda perché attiva dei circuiti neuronali nelle zone che riguardano ansia e paura e questa situazione genera in noi una specie di trauma. La cosa interessante è che questo fenomeno riguarda ogni cultura, sia essa americana, europea o persino asiatica (nella cultura cinese la maggior parte dei matrimoni sono combinati e si ha una particolare visione dell'amore). Questi dati sono emersi da uno studio dell'Università Stony Brook di New York.

Advertisement

Nicki Varkevisser | Flickr

Coordinato dal professor Art Aron, lo studio aveva come obbiettivo quello di dimostrare che il primo amore provoca nel cervello delle reazioni chimiche diverse da quelle che avvengono nelle successive relazioni. La ricerca ha avuto una durata di tre anni e ha indagato il fenomeno nella popolazione statunitense, in quella inglese e in quella cinese; dimostrando come in tutte e tre le culture tale fenomeno venga a manifestarsi allo stesso modo. Lo studio ha dimostrato che ripensando a relazioni diverse si attivano aree del cervello differenti.

Mentre i partecipanti all'esperimento guardavano la foto del loro primo amore si attivavano infatti delle zone neuronali deputate a regolare i meccanismi di dipendenza. Tuttavia, spiega il professor Aron, bisogna praticare una distinzione tra amore passionale e romantico.

Allan Ajifo | Wikimedia

Osservando la foto di un partner amato "romanticamente", nel cervello vengono ad attivarsi quelle aree che regolano i meccanismi motivazionali. Diversamente accade quando l'immagine che vediamo appartiene a una persona che abbiamo amato in maniera passionale. In questo secondo caso ad attivarsi sono zone riguardanti tensione e paura perché l'amore passionale provoca sentimenti di incertezza e ansia.

Ma perché l'amore passionale e quello romantico sono diversi?
Un amore del primo tipo coinvolge parti del cervello deputate a svolgere particolari funzioni. Durante la prima esperienza si attivano le zone mesencefalice e quella del grigio periacqueduttale. Inoltre l'amigdala provoca una specie di tempesta biochimica che va a influenzare le nostre viscere. Da qui le famose farfalle allo stomaco.
Dopo questa fase, se dura, il sentimento da passionale si trasforma in romantico, che sarebbe perciò una specie di seconda fase.

Ma non pensiate che una volta superato il primo amore sarete "al sicuro". Secondo alcuni psichiatri infatti è possibile provarlo almeno tre o quattro volte nella vita.

Advertisement