La marijuana attenua gli effetti dell'Alzheimer? Questi studi sembrano suggerire di sì - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
La marijuana attenua gli effetti dell'Alzheimer?…
14 vedute mozzafiato che vi riempiranno gli occhi di meraviglia Casa do Penedo, la casa incastonata nella pietra che attira turisti e architetti da tutto il mondo

La marijuana attenua gli effetti dell'Alzheimer? Questi studi sembrano suggerire di sì

09 Luglio 2017 • di Simone Troja
18.952
Advertisement

Alcuni ne fanno un uso ricreativo ma in realtà sono molti gli effetti terapeutici della cannabis medica. È un antidolorifico, stimola l'appetito, è un antispastico e adesso sembrerebbe essere efficace anche nella lotta contro l'Alzheimer. Sono i dati che riporta un recente studio: la marijuana potrebbe dimostrarsi un potente antiaging; migliora la memoria, l'apprendimento e le facoltà cognitive degli anziani.

L'esperimento condotto ha portato a notevoli risultati.

immagine: pixabay.com

Lo studio, che ha pubblicato i suoi risultati sulla rivista Nature Medicine, ha raccolto i dati esclusivamente dagli esperimenti svolti in laboratorio sui topi, ma gli esiti sono talmente importanti che lasciano presagire a breve una sperimentazione sugli esseri umani. La ricerca si è svolta somministrando delle piccole dosi di THC (principio attivo contenuto nella marijuana) solo ad alcune famiglie di roditori strettamente monitorate; considerando il fatto che il topo è un animale dal metabolismo rapido e che inizia a mostrare i primi segni neurodegenerativi già intorno ai primi dodici mesi di vita è stato possibile ottenere in breve tempo dei risultati. Una volta somministrata la molecola le famiglie di topi sono rimaste sotto attenta osservazione e sono stati condotti dei test riguardanti la loro memoria, ricavando dati eccezionali.

Prossimamente si partirà con la sperimentazione sugli esseri umani.

I topi di dodici e diciotto mesi di età a cui era stato fornito il THC mostravano delle funzioni cerebrali pari ai topi di soli due mesi di età! Le famiglie a cui non era stata somministrata la molecola ma un semplice placebo hanno invece mostrato segni di declino cognitivo al dodicesimo mese di vita. I ricercatori dell'Università di Bonn e della Herbew University di Gerusalemme, gruppi che hanno portato l'esperimento avanti in modo parallelo, sono giunti alle medesime conclusioni e si sono detti impressionati da come il THC abbia praticamente "portato indietro l'orologio molecolare del cervello" come ci ricorda Andreas Zimmer, il coordinatore dello studio a Bonn.

Gli scienziati si sono detti fiduciosi per la fase di sperimentazione umana, qualora questa molecola avesse gli effetti desiderati rappresenterebbe un grande passo avanti nella battaglia alle malattie neurodegenerative; ma le incognite sono ancora molte, unica certezza è che le dosi da assumere sono inferiori a quelle necessarie per indurre effetti stupefacenti.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie