10 storie ti dimostrano che faresti meglio a non dare giudizi affrettati - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
10 storie ti dimostrano che faresti…
9 situazioni esilaranti in cui delle persone avevano un compito e hanno fallito miseramente Ad un uomo disabile viene messa la casa all'asta: una persona misteriosa gliela compra e gliela restituisce

10 storie ti dimostrano che faresti meglio a non dare giudizi affrettati

130.865
Advertisement

Cosa pensate delle persone che cambiano idea? Probabilmente saremo in controtendenza, ma riteniamo che cambiare idea sia sinonimo di maturità. D'altronde lo diceva anche Socrate che il saggio dubita spesso e cambia idea. La vita serba così tante sorprese ed imprevisti che è naturale ricredersi, cambiare idea e abbandonare le proprie convinzioni. Queste che vi proponiamo sono 10 testimonianze di persone che hanno sperimentato proprio questo: il bello del cambiare idea, conoscere come stanno veramente le cose, abbracciare una nuova verità.

immagine: r/aww/Reddit
  • "Pensi che l'aspetto sia una preoccupazione tipica delle donne? Affatto! La mia amica si è sposata proprio grazie all'ironia che ha del suo corpo. Ha un seno molto piccolo, per questo indossa dei reggiseni imbottiti. Eravamo in spiaggia e stava scrollando via la sabbia dall'asciugamano, quando il reggiseno del costume le è volato via: 'Oh no! Il vento ha portato via il costume e anche il mio seno!' Il ragazzo vicino a noi ha iniziato a ridere così tanto che abbiamo dovuto aiutarlo. Una settimana dopo lui le ha chiesto di sposarlo". 

  • "Non do soldi a chi mi chiede l'elemosina: li considero tutti degli impostori. Un giorno però ho visto un senzatetto dare il suo cibo a dei cani randagi. Non lo stava facendo solo perché lo avevano avvicinato, ma era lui stesso che andava in giro ad aiutare chi, ancor meno di lui, aveva la possibilità di procurarsi da mangiare. La scena mi ha colpito nel profondo ed ora, quando lo incontro, lo aiuto anche io. È un brav'uomo con un passato difficile alle spalle. È un peccato che a volte il destino sia così ingiusto con certe persone."
  • "Mio figlio è non vedente. Per molti anni io e mia moglie non abbiamo capito il modo per fargli conoscere il mondo senza fargli pesare il fatto di non poter vedere. Un amico ci ha consigliato di iscriverlo ad una scuola d'arte: eravamo molto scettici che avrebbe cambiato in meglio la situazione in cui ci trovavamo. Sei mesi dopo ci ha chiamato l'insegnante per dirci che nostro figlio aveva un talento: era in grado di disegnare gli oggetti senza vederli, ma solo toccandoli. Adesso le sue creazioni fanno parte di un'esibizione e c'è chi è interessato a comprarle. Qualsiasi cosa accada nella tua vita, non arrenderti subito: prova tutte le soluzioni e vedrai che una risolverà davvero i tuoi problemi."

  • "Conoscevo una ragazza che non mi era per nulla simpatica, per questo decisi di giocargli uno scherzo: creai un profilo social falso per farla innamorare di un ragazzo che in realtà non esisteva. Ero arrivato addirittura a pensare di invitarla ad un appuntamento, al quale nessuno si sarebbe presentato, soltanto per il gusto di farla rimanere male. Parlandoci giorno dopo giorno però, ho scoperto che in realtà era una ragazza dolcissima: me ne sono innamorato e all'appuntamento ci sono andato io."

  • "La mia ragazza mi ha invitato a passare la notte da lei. Siccome è sempre a dieta, nel cuore della notte mi sono alzato per prepararmi uno spuntino. Cercai di non svegliarla per non offendere la sua attenzione maniacale sul peso. Misi la padella sui fornelli quando all'improvviso una voce dietro di me urlò 'Stai mangiando?'. La padella cadde a terra, mi voltai, e vidi un gigantesco pappagallo che mi gridava 'Stai mangiando! Stai mangiando!'. La mia ragazza ci raggiunse in cucina piegata dalle risate. E io ritenevo che quel pappagallo non era per niente intelligente..."
Advertisement
immagine: pixabay.com
  • "Mio marito è un uomo di poche parole, che non mostra volentieri i suoi sentimenti: non sono mai riuscita a fargli dire 'Ti amo'. I nostri amici mi dicono che è a sangue freddo, ma io mi sforzo di non crederci. Poco tempo fa mi sono accorta che nel portafoglio tiene ancora una rosa origami che gli avevo fatto al primo appuntamento. La tratta con molta cura per non rovinarla: non ci sono parole che avrebbero potuto farmi capire allo stesso modo quanto mi ama".

  • "Penso di essere troppo stressato: ho bussato sulla porta per più di un'ora e mezza chiedendo di farmi entrare. Avevo dimenticato le chiavi, sentivo le voci dietro la porta ma nessuno mi apriva. Gridavo, 'Sono il vostro capo, fatemi entrare!', e di nuovo delle voci. Alla fine, un uomo della sicurezza ha spalancato la porta spaventato: 'Se non la smette sarò costretto a chiamare la polizia!'. Mi sono accorto che stavo prendendo a calci la porta della banca, quella del mio ufficio era quella dopo."

  • "Abbiamo comprato una chitarra a nostro figlio, ma non lo abbiamo mai sentito suonare. Questo ha scatenato diversi litigi perché gli rinfacciavo il sacrificio che avevamo fatto per una cosa che non usava mai. Ieri stavo poco bene e sono rimasta a casa: mio marito era uscito per prendere delle medicine e probabilmente mio figlio era convinto di essere rimasto solo in casa. Non è passato più di qualche secondo che dalla sua camera è iniziata una musica bellissima, come forse è accaduto ogni volta che siamo usciti. Si vergognava di suonare davanti a noi e mi sono sentita a pezzi per averlo rimproverato tutto questo tempo..."

  • "Ho iniziato ad uscire con un ragazzo che mi piace. Speravo che il primo appuntamento andasse tutto per il meglio, e invece mi sono sentita male per il sushi e ho passato tutta la serata in bagno. Ero convinta che l'inconveniente avesse determinato l'insuccesso dell'appuntamento, e infatti quando aprii la porta lui non c'era più. 'Bene, se n'è andato...', pensai. 20 minuti dopo tornò con le medicine adatte al mio caso, aveva girato tutta la città per trovare una farmacia aperta. Si è preso cura di me per tutta la notte, mi ha abbracciata fino a quando mi sono addormentata. Gli uomini veri esistono!"

  • "Mi sono sposata una settimana fa. Stanotte la mia amica è rimasta a dormire da noi. Delle voci mi hanno svegliata: mio marito non era a letto. La sua voce proveniva dalla stanza degli ospiti: 'Lei non sentirà niente, fidati!'. In preda alla rabbia sono entrata nella camera pronta ad uccidere... e li ho trovati seduti a giocare a scacchi. Non scherzo, a scacchi! La mia amica aveva appena perso la partita e doveva pagare pegno cantando 'Nella vecchia fattoria'".
Tags: CuriosiStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie