Benvenuti ad Harar, l'unica città al mondo in cui le iene sono le benvenute - Curioctopus.it
x
Benvenuti ad Harar, l'unica città al…
Campi d'internamento negli USA: 120.000 giapponesi deportati nella Seconda guerra mondiale 'O sole mio: sapete quale tramonto ha ispirato la famosissima canzone?

Benvenuti ad Harar, l'unica città al mondo in cui le iene sono le benvenute

16 Dicembre 2016 • di Giulia Bertoni
13.184
Advertisement

Sulla cima di un altopiano dell'Etiopia orientale sorge l'antica città di Harar Jugol. Potreste non averla mai sentita nominare ma si tratta di un luogo che riserva più di una curiosità: qui si produce una pregiata varietà di caffè, è patrimonio UNESCO dal 2006 ed è considerata una delle quattro città sante dell'Islam (insieme a La Mecca, Medina e Gerusalemme) anche grazie alla presenza di più di 200 fra moschee e templi antichissimi. Ma il motivo per cui ve ne parliamo è un altro. Qui esiste la peculiare tradizione di lasciare che dei feroci predatori vadano e vengano attraverso dei piccoli passaggi aperti nelle mura della città...

La iena è, dopo il leone, il predatore più pericoloso dell'Africa. Ma gli abitanti di Harar hanno instaurato con loro un rapporto di convivenza.

immagine: Rod Waddington

Da queste parti si ritiene infatti che le iene, con la loro fragorosa risata, siano in grado di allontanare gli spiriti malvagi.

immagine: Adam Jones

Da almeno 400 anni, ogni anno due clan di iene entrano nella città e combattono per il dominio di quelle strade. Al clan vincitore è dato di approfittare degli scarti che i macellai mettono da parte per loro.

Advertisement

Questa secolare tradizione viene portata avanti dai cosiddetti "uomini-iena", che a partire dagli anni Sessanta l'hanno trasformata in una sorta di spettacolo per visitatori.

immagine: Mark Stratton

Queste spedizioni a contatto con le iene sono possibili la notte e soddisfano anche la necessità di tenere a bada questi animali ed evitare che attacchino persone e bestiame.

È bene però tenere presente che, per quanto abituati alla presenza di esseri umani, si tratta sempre di animali selvatici e che solo persone esperte possono permettersi di avvicinarli e gestire le serate in cui si dà loro da mangiare. 

Tags: AnimaliCuriosiAfrica
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie