Da tossicodipendente a milionario: ecco come quest'uomo ha creato un impero

Silvia Ricciardi

01 Novembre 2016

Da tossicodipendente a milionario: ecco come quest'uomo ha creato un impero
Advertisement

Si chiama Khalil Rafati, ha 46 anni, ed è un multimilionario in quanto fondatore della catena di succhi di frutta SunLife Organics. Nel giro di soli 5 anni, Khalil è riuscito ad ampliare la sua attività dando vita a 6 nuovi punti vendita nella città di Malibu, in California, ingigantendo così il suo patrimonio.

Ma non sempre sono state rose e fiori per l’imprenditore. C’è stato un triste periodo in cui la sua vita sembrava rivoltarsi contro di lui a causa di scelte sbagliate. Scopriamo in che modo Khalil ha letteralmente dato una svolta alla sua vita, vincendo una dipendenza che lo stava conducendo alla morte, la droga.

via nytimes.com

Advertisement

Khalil Rafati, prima di divenire milionario, era un tossicodipendente e viveva per le strade di Los Angeles.

Khalil Rafati, prima di divenire milionario, era un tossicodipendente e viveva per le strade di Los Angeles.

Khalil Rafati

Nel 2001 Khalil stava per morire: si era provocato intenzionalmente un’overdose di eroina ad una festa a Malibu.

Nel 2001 Khalil stava per morire: si era provocato intenzionalmente un’overdose di eroina ad una festa a Malibu.

Khalil Rafati

Advertisement

Ma poi ha trovato la forza per rialzarsi e, disintossicatosi, ha aperto una comunità di recupero nel 2007 dove offriva agli ospiti i suoi succhi.

Ma poi ha trovato la forza per rialzarsi e, disintossicatosi, ha aperto una comunità di recupero nel 2007 dove offriva agli ospiti i suoi succhi.

Furono proprio quei succhi a condurlo al successo economico, permettendogli di aprire il suo primo negozio...

Furono proprio quei succhi a condurlo al successo economico, permettendogli di aprire il suo primo negozio...

I Forgot to Die

E quello fu il primo passo verso il trionfo e verso la diffusione della sua storia, una storia che ha voluto condividere con il mondo intero scrivendo la sua autobiografia "I forgot to die", un viaggio verso la sobrietà che vuole essere di insegnamento a tutti coloro che, dal baratro, vogliono trovare la forza per risollevarsi!

Advertisement