Questo macchinario stampa bicchieri in bioplastica con le bucce delle arance e li usa per servire la spremuta - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Questo macchinario stampa bicchieri…
8 piante che dovresti tenere in casa per migliorare la qualità del sonno, secondo la ricerca Disboscata un'area patrimonio dell'Unesco per far spazio ai vigneti di prosecco: tre denunce in Veneto

Questo macchinario stampa bicchieri in bioplastica con le bucce delle arance e li usa per servire la spremuta

1.285
Advertisement

Come cambierebbe il mondo se riuscissimo a recuperare le materie di scarto in maniera efficiente dando loro una nuova vita ed un nuovo utilizzo? Questa la domanda a cui ha risposto lo studio di architettura e design Carlo Ratti Associati, quando ha progettato e realizzato per la compagnia Eni questo distributore di succo d'arancia espresso che riutilizza le bucce per creare i bicchieri. Esatto, avete capito bene, il succo viene servito nei bicchieri prodotti a partire dalle bucce delle arance spremute minimizzando gli sprechi.

via: wired.com

Il prototipo "Feel the Peel" è un perfetto esempio di come il design circolare può entrare nella quotidianità delle persone. Alto circa 3 metri, è dotato di una struttura circolare che contiene fino a 1.500 arance: quando qualcuno ordina un succo, i frutti entrano nella macchina, vengono tagliati e spremuti. E fin qui, tutto nella norma.

Successivamente però arriva la fase interessante: gli avanzi della spremitura cadono alla base del macchinario; qui le scorze vengono essiccate e poi macinate fino a creare una polvere che, mescolata con acido polilattico (PLA), dà vita ad un materiale bioplastico.

Advertisement

Ci si avvia così all'ultima fase: il composto viene scaldato e trasformato in un filamento che, grazie ad una stampante 3D incorporata, va a comporre strato dopo strato il bicchiere in cui il succo stesso viene servito.

Il progetto Feel the Peel, già entusiasmante dal punto di vista del processo (totalmente replicabile in altri ambiti), ha anche un altissimo valore divulgativo. Grazie alla tipologia della torre e alle pareti di vetro, i "clienti" del bar possono infatti assistere a tutto il processo, seguendo le fasi che portano alla rigenerazione dei rifiuti in materiali utili. Una breve ed incisiva "lezione" di economia circolare di cui le future generazioni hanno assolutamente bisogno.

Tags: TecnologiaGreen
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie