Ex ufficiale della marina inventa una batteria per auto elettriche con un'autonomia di 2.400 km - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Ex ufficiale della marina inventa una…
Le uve di Aglianico e Falanghina contengono sostanze utili a combattere il cancro: lo confermano Enea e Cnr Chamois, il borgo paradisiaco dove non circolano automobili e si vive all'insegna della sostenibilità

Ex ufficiale della marina inventa una batteria per auto elettriche con un'autonomia di 2.400 km

30 Ottobre 2019 • di Marco Renzi
4.411
Advertisement

Le auto elettriche stanno finalmente entrando nella quotidianità della nostra vita, grazie alla crescente necessità di svincolarsi dal giogo delle fonti fossili e a prezzi di acquisto sempre più accessibili. La loro capacità di far fronte alle esigenze degli automobilisti dipende molto dall'efficienza della batteria, cioè da quanta energia riescono ad immagazzinare tra una ricarica e l'altra.

Proprio a tal proposito arriva dal Regno Unito una notizia che sembra preannunciare un punto di svolta: Trevor Jackson, un ingegnere ex ufficiale della marina, avrebbe messo a punto un nuovo modello di batteria in grado di alimentare un'auto elettrica per oltre 2.400 km (1.500 miglia).

immagine: John McLellan

Il punto di svolta di questa nuova tecnologia sarebbe in un nuovo elettrolita che lavora con un metallo a bassa purezza (addirittura ricavato dalle lattine riciclate). Anche se la formula rimane top secret, Danny Corcoran – direttore dell'azienda Austin Electric – parla già di una rivoluzione. Ed è proprio con questa compagnia dell'Essex che Jackson avrebbe firmato un contratto milionario per iniziare la produzione su larga scala della sua nuova batteria.

immagine: Metalectrique

Questo super-dispositivo garantirebbe già ad oggi almeno 4 volte la potenza di alimentazione dei migliori modelli tradizionali in circolazione. Una caratteristica che, sostiene lo stesso inventore, gli ha fatto attirare su di sé l'avversione dei colossi del trasporto, che hanno provato in vari modi a rallentare i suoi esperimenti.

Ormai però, stando alle dichiarazioni di Jackson e dei suoi nuovi mecenati, l'attesa è giunta al termine: a quanto pare non ci resta che attendere questa tanto osannata rivoluzione elettrica dei trasporti.

Tags: TecnologiaGreen
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie