Costruire case vere con Lego giganti: l'idea rivoluzionaria di un ingegnere italiano - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Costruire case vere con Lego giganti:…
Queste rarissime foto immortalano una timida Lady Diana alle prese con dei ballerini d'eccezione 18 immagini che i nati dopo il 1999 non conosceranno mai... purtroppo o per fortuna!

Costruire case vere con Lego giganti: l'idea rivoluzionaria di un ingegnere italiano

350.898
Advertisement

Quando eravate bambini e giocavate, spensierati e ingegnosi, nel vostro piccolo cantiere colorato di mattoncini LEGO, avreste mai pensato che sarebbe diventato realtà?

L'idea è stata di un ingegnere di Aosta, Flavio Lanese, 52 anni, che ha brevettato gli SpeedyBrick (in italiano "mattone veloce"), materiali per l'edilizia praticissimi nella loro semplicità (non a caso sono ispirati ad un "gioco da ragazzi"...!).

Gli SpeedyBrick si incastrano in modo semplicissimo, con lo stesso principio costruttivo dei LEGO

Possono essere realizzati nei materiali più disparati: dal legno in tutte le sue forme ai materiali plastici e compositi in combinazione, sempre con la filosofia del riutilizzo.

"Li immagino in vendita nei negozi per il bricolage: tutti potranno prenderne una o due confezioni, metterle in auto, in ascensore e costruire qualsiasi cosa, dalle piscine fai-da-te ai camerini dei negozi", spiega Flavio Lanese, "se entreranno in commercio, l'unico limite sarà la fantasia, come per i LEGO". 

"L'ho pensata anche per chi è in difficoltà a montarsi un mobile dell'IKEA"

L'iter per il brevetto è stato lungo (è iniziato nel 2012), ma la scorsa estate è stato finalmente comunicato l'esito: il sistema soddisfa le tre caratteristiche di brevettabilità (innovazione, inventiva, industrializzazione).

Il progetto sembra avere un ottimo potenziale: "Leggero e ben isolato termicamente, è più semplice, rigido e resistente, armato in acciaio e antisismico", continua Lanese, "si possono costruire forme particolari, ma soprattutto non si spreca nulla, non si fa polvere né si devono smaltire calcinacci". 

Advertisement

"Il destino degli SpeedyBrick è ancora tutto da scrivere"

"Sto ricevendo richieste da aziende e potenziali partner. Si potranno realizzare box auto in cortile e cabine per piccoli stabilimenti balneari e, con plastiche più raffinate, si potranno arredare uffici o abitazioni".

A noi il progetto sembra interessante. In bocca al lupo a Flavio Lanese!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie