Una bimba di 4 anni "sposa" un ragazzo di 29. Uno scandalo? Tutt'altro, una toccante storia di affetto - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Una bimba di 4 anni "sposa" un ragazzo…
32 scalinate sparse per il mondo che la street art ha trasformato in potenti opere d'arte Decide di crescere i suoi figli lontano dalla tecnologia: le loro foto fanno sognare

Una bimba di 4 anni "sposa" un ragazzo di 29. Uno scandalo? Tutt'altro, una toccante storia di affetto

32.146
Advertisement

Dietro il meraviglioso sorriso di questa bambina, si nasconde una triste verità. Abby ha 4 anni ed ha una forma rara di leucemia. È una dei giovanissimi pazienti dell'istituto oncologico Albany Medical Centre di New York.

Tra gli infermieri che si prendono cura di lei quotidianamente il suo preferito è Matt Hickling. Sapendo del suo debole per lui, la mamma di Abby e Matt hanno organizzato un matrimonio giocoso, per distrarre la piccola dalla malattia e regalarle un ricordo felice.

Dietro il sorriso smagliante della piccola Abby si nasconde un insospettabile male: la bambina soffre di una grave forma di leucemia.

Matt, che tutti i giorni si occupa delle iniezioni di Abby e si prende cura di lei, è diventato l'infermiere preferito e il migliore amico della piccola.

Advertisement

Un giorno Abby confida a sua madre che vorrebbe sposarlo. Quando la donna lo dice a Matt, l'infermiere ha una tenerissima idea: organizzare un piccolo matrimonio.

Con l'aiuto del personale ospedaliero, Matt organizza tutto in 24h.

Abby indossa un vestitino bianco e Matt una maglietta sulla quale è disegnato uno smoking.

Advertisement

Ci sono petali di fiori in tutta la stanza e gli invitati intonano la marcia nuziale.

Abby sorride come non faceva da tempo, a causa della malattia che le indebolisce il corpo e lo spirito.

Advertisement

Ed ecco il regalo di Matt alla sua piccola, coraggiosa paziente.

Accade spesso che la felicità negli ospedali sia affidata alle persone che lavorano all'interno dei reparti. Il sorriso degli infermieri e l'ironia dei medici sono una terapia che dovrebbe affiancare quella basata su pastiglie e medicine: in fondo, hanno lo stesso potere curativo.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie