"Un vulcano sottomarino pieno di squali mutanti sta per eruttare": l'avvertimento della NASA - Curioctopus.it
x
"Un vulcano sottomarino pieno di squali…
La palestra è troppo faticosa, così lui si fa tatuare degli addominali perfetti da un amico In questo ristorante si paga un extra per le

"Un vulcano sottomarino pieno di squali mutanti sta per eruttare": l'avvertimento della NASA

24 Maggio 2022 • di Lorenzo Mattia Nespoli
17.395
Advertisement

Le immagini satellitari della NASA non lasciano molto spazio ai dubbi: un vulcano sottomarino, già piuttosto conosciuto dagli scienziati per alcune sue particolarità, sta cominciando a eruttare. Le foto mostrano chiaramente dei grossi pennacchi di acqua surriscaldata e acida che fuoriescono da questa struttura, nota anche e soprattutto per il suo soprannome: Shark, "squalo" in italiano.

Con un nome così, è quasi scontato che un'eruzione entrata in fase attiva possa destare qualche preoccupazione. Ma perché viene chiamato così? Il sostantivo non è affatto casuale, e infatti indica una cospicua presenza di questi predatori, che vivono proprio intorno al cratere e si sono adattati a farlo in condizioni davvero particolari. Ecco perché sono stati definiti "mutanti".

via: Daily Mail

Siamo nell'Oceano Pacifico sud-occidentale, in un'area che fa capo alle Isole Salomone. È qui che si trova il Kavachi, un vulcano sottomarino attivo che sta attirando molta attenzione su di sé. Non solo per il fatto che è in procinto di eruttare - la sua attività è piuttosto nota ed è stata già visibile in passato - ma perché i famigerati squali che vivono intorno al suo cratere sembrano essersi adattati a una situazione ambientale davvero insolita per loro.

Le acque intorno al Kavachi, dove abitualmente nuotano i grossi pesci - squali setosi e martello - sono incredibilmente acide, proprio per via dell'attività eruttiva del vulcano. "Contengono particolato, frammenti di roccia vulcanica e zolfo", hanno specificato i ricercatori della NASA a proposito di esse. E tali caratteristiche sarebbero presenti in quantità così elevate da giustificare, sempre secondo gli studiosi, una mutazione degli squali. I pesci, infatti, si sarebbero adattati a vivere in un contesto caldo e acido, e non è escluso che possano mostrare anche altre "modifiche" alle loro condizioni abituali.

La mutazione subita dagli squali ha lasciato letteralmente di stucco gli scienziati. Tali animali, stando a quanto hanno riferito dopo le osservazioni, vivono all'interno del cratere e, anche se può sembrare un incredibile controsenso, ci sono molte spiegazioni al fenomeno. Come fanno a sopravvivere lì sotto? "In apparenza nessuna di quelle condizioni è buona per i pesci - ha detto la vulcanologa Kadie Bennis - tuttavia le acque vulcaniche sono ricche di nutrienti, motivo per cui molto probabilmente la vita marina può esistere in quell'area".

Advertisement

Nonostante dunque possa sembrare piuttosto strano, non è affatto anomalo che, attorno e dentro a quel vulcano, possa esserci vita sottomarina. È ovvio che, vista la situazione, le ricerche su tali creature continuino a destare attenzione e curiosità e ad essere al centro del lavoro di molti scienziati. Secondo alcuni esperti, gli squali sarebbero "abituati a gestire le eruzioni" e persino "in grado di prevedere e rilevare quando potrebbe verificarsi la prossima". Non c'è che dire: ancora una volta, la natura è in grado di stupirci nei modi più insoliti!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie