Mamma single racconta come affronta la rabbia della figlia su Tik Tok: "Un approccio fermo, ma gentile" - Curioctopus.it
x
Mamma single racconta come affronta…
Vedono un ciclista tra i rami di un albero in un parco:

Mamma single racconta come affronta la rabbia della figlia su Tik Tok: "Un approccio fermo, ma gentile"

23 Maggio 2022 • di Francesca Argentati
1.105
Advertisement

Con l’esperienza e la crescita, man mano si acquisisce la capacità di comprendere le proprie emozioni, analizzarle e controllarle. Una facoltà che, se si acquisisse in tenera età, potrebbe evitare diversi problemi una volta adulti. I bambini hanno una mente in formazione e, come tale, risulta più malleabile e influenzabile: ecco perché alcuni insegnamenti possono far breccia e modellare la persona che diventerà da grande. 

L’emozione più difficile da controllare, in qualunque fase della vita, è la rabbia: molto dipende anche dall’indole e dalla personalità, ma una mamma "parent coach", ossia allenatrice genitoriale, ha condiviso su TikTok un video in cui spiega come disinnescare questo sentimento nei propri figli

via: The Sun

immagine: destini.ann/TikTok

Destini Ann, questo il nome della donna, ha detto la sua su come comportarsi quando, da genitori, si è arrabbiati con i propri figli che, presi dall’ira a loro volta, si rifiutano di ascoltare

La mamma single adotta un approccio gentile, formulando una domanda mirata alla sua bambina che si è rivelata efficace. 

Nel video, che ha riscosso milioni di visualizzazioni, Destini racconta come agisce quando sua figlia è in preda alla rabbia e inizia a lanciare oggetti o sbattere le porte. Secondo lei, arrabbiarsi non significa essere brutte persone, ma è importante imparare a controllare questa emozione negativa e a saperla riconoscere. 

Nel momento in cui nota che la collera della bambina si sta intensificando, la Ann si abbassa per guardarla negli occhi e con tono gentile, ma fermo, le domanda: “Cosa sta cercando di dirti la tua rabbia?” 

immagine: destini.ann/TikTok

Questa frase, secondo Destini, è utile a far capire ai bambini che la rabbia porta con sé il messaggio che, in quel momento, qualcosa non va: un bisogno non soddisfatto, un limite superato che bisogna saper esprimere e comunicare, poiché un genitore non può sempre sapere qual è il reale problema

Con quella domanda, si può invitare il bambino ad articolare a parole il proprio disagio, argomentando il sentimento piuttosto che sbraitare, così la mamma e il papà saranno in grado di comprenderlo e aiutarlo. 

Dimostra empatia se non riescono ad articolare il motivo per cui sono arrabbiati. Ad esempio: ‘Mi chiedo se ti senti arrabbiato perché non siamo riusciti ad andare al negozio. Può essere?' Ricorda ai bambini che la loro rabbia è al sicuro con te e puoi aiutarli ogni volta che sono pronti” ha detto Destini. 

Advertisement

Secondo la donna, non esiste un comportamento standard risolutivo per ogni singola situazione. Questo metodo, con sua figlia, non è infallibile. 

“Penso che ciò che funziona nella maggior parte dei casi sia la compassione e la curiosità. La compassione mi permette di trattarla con rispetto e gentilezza e la curiosità mi consente di avvicinarmi alla sua rabbia senza giudizio.” 

Nella clip, la Ann spiega le varie fasi del suo approccio: prima di porre la domanda, aspetta che la bambina si sia leggermente calmata. “Aspetto. Ricordo a me stessa che la sua rabbia non è un'emergenza. Mi siedo con lei in silenzio e le ricordo la mia presenza, usando frasi come 'sei al sicuro' o 'capisco' o 'sono proprio qui.' Poi, quando si calma e i suoi pensieri sono più lucidi, discutiamo di cosa c'è sotto la rabbia." 

Cosa ne pensi dei consigli di questa mamma? 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie