Suo figlio si vergogna della voglia che ha sul petto: lui se ne fa tatuare una uguale - Curioctopus.it
x
Suo figlio si vergogna della voglia…
Elon Musk donerà 6 miliardi di dollari per combattere la fame nel mondo, ma solo ad una condizione Questa pagina Instagram condivide i progetti di ristrutturazione più riusciti: 16 esempi strabilianti

Suo figlio si vergogna della voglia che ha sul petto: lui se ne fa tatuare una uguale

02 Novembre 2021 • di Marcello Becca
1.360
Advertisement

Tra padre e figlio c’è un’intesa unica al mondo. Ogni papà farebbe davvero di tutto per rendere felice il suo bambino, a costo di cimentarsi in imprese stravaganti e incredibili, proprio come quella che stiamo per descrivervi. A Stony Plain, nel cuore del Canada, un giovane papà ha deciso di sottoporsi ad una seduta di 30 ore per tatuarsi la stessa identica “voglia” che il figlio ha sul petto per solidarietà dopo aver visto la difficoltà con cui il piccolo affrontava le lezioni di nuoto in piscina.

Ora per il bambino è più facile togliersi la maglietta visto che soltanto lui e il suo papà hanno "quella" macchia che li rende speciali e uniti nella particolarità.

via: CBC News

Derek Prue Sr. surprised his son with a tattoo that matched his son's birthmark so the eight-year-old would feel more comfortable at the pool.

Pubblicato da CBC News su Venerdì 11 dicembre 2020

Le voglie sono delle imperfezioni della pelle che si formano ancor prima della nascita, durante la fase embrionale. Esistono diversi tipi di voglie sulla pelle, e nella maggior parte dei casi non sono pericolose. Derek Prue è sempre stato fiero della sua macchia sul petto. In qualche modo, lo rendeva speciale visto che era l’unico al mondo ad avere quella caratteristica.

Un giorno però, durante una semplice lezione di nuoto, il piccolo Derek si è sentito preso in giro proprio per via di quella voglia. Da quel momento, togliersi la maglietta era diventata un’impresa. Ad accorgersene è stato il papà del bambino che ha raccontato la vicenda sui social in cerca di una soluzione: “Derek è sempre stato fiero della sua voglia, poi all’improvviso, ho notato che cominciava a nasconderla”. “Ho poi pensato che si sarebbe sentito a suo agio se qualcun altro avesse avuto la sua stessa macchia” aggiunge il papà, “Cosi ho deciso di tatuarmela!”.

Un gesto di solidarietà estrema che ha emozionato non solo Derek e tutta la famiglia, ma anche milioni di utenti online. Il super papà si è quindi recato in uno dei negozi per tatuaggi più gettonati della città, per cominciare a tracciare i bordi della macchia con Tony Gibert. “Ero convinto che si trattasse di un tatuaggio molto semplice visto che non presenta molti dettagli, eppure, le tre ore di seduta previste si sono trasformate in 30 ore suddivise in 6 settimane, è stata tosta!” ha raccontato il papà sul suo profilo Facebook.

Vista la grandezza della zona ricoperta dal tatuaggio, la pelle doveva essere trattata e ammorbidita in più riprese per via del dolore costante. Effettivamente, il petto è una zona ricca di terminazioni nervose e la sopportazione del papà è stata messa a dura prova. Tuttavia, era determinato nella sua impresa. Così, dopo sei lunghissime settimane, il piccolo Derek e suo papà si sono finalmente recati dal tatuatore Tony per fare un confronto delle loro macchie. Il risultato è stato un successone: Derek non poteva credere che anche suo papà avesse la sua stessa identica macchia!

Sono stato felice di poter dare una mano a mio figlio, è stato bello vedere di nuovo tanta sicurezza sul suo volto” ha ammesso il papà su Facebook. Anche Hope Marie, la mamma di Derek, ha deciso di scrivere un post online per ringraziare personalmente Tony: “La ringrazio infinitamente per il suo contributo speciale e per aver aiutato mio figlio a credere di nuovo in sé stesso. Farete sempre parte della nostra vita!

Ora, quando Derek e suo papà vanno in piscina insieme, entrambi saranno fieri di togliersi la maglietta, sfoggiando un segno che li terrà legati per sempre.

Tags: BambiniFamigliaStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie