A Singapore arrivano i robot che pattugliano le strade alla ricerca di assembramenti e fumatori

Lorenzo Mattia Nespoli

09 Settembre 2021

A Singapore arrivano i robot che pattugliano le strade alla ricerca di assembramenti e fumatori
Advertisement

Se vi descrivessimo una situazione in cui l'ordine pubblico di una città è garantito da speciali robot in grado di far rispettare le regole, a cosa pensereste? Forse, sulle prime, a uno scenario futuristico o fantascientifico, in cui macchine e automi hanno rimpiazzato gli umani nei loro compiti più tradizionali.

Eppure, sapevate che esistono dei luoghi al mondo dove tutto questo è reale al 100%? Luoghi come Singapore, dove le autorità stanno sperimentando l'uso di due tutori dell'ordine molto speciali, proprio perché non sono agenti di polizia in carne e ossa, ma robot che girano per le strade alla ricerca di comportamenti "indesiderabili", segnalando violazioni grazie alle loro abilità tecnologiche.

via Htx.gov.sg

Advertisement

Htx.gov.sg

Si chiamano Xavier, e sono dei robot appositamente programmati per pattugliare. Grazie alle telecamere con campo visivo a 360 gradi di cui sono dotati, questi "poliziotti" si dedicano senza sosta a stanare comportamenti pubblici inadeguati o mancato rispetto delle regole.

CNA/Youtube

Inutile dire che i due Xavier possiedono una spiccata e avanzatissima intelligenza artificiale, che permette loro di distinguere al meglio i dati raccolti dai loro occhi elettronici, rilevando ciò che le persone non dovrebbero fare e inviando segnalazioni in tempo reale alle autorità che li comandano.

Advertisement

CNA/Youtube

Ma non è finita qui, perché questi robot pattugliatori possono anche intervenire sul momento, in caso di comportamenti sociali ritenuti inadeguati. Ad esempio, qualora si accorgessero di una persona che fuma in un'area dove non è permesso, oppure che più persone stiano creando un assembramento, gli Xavier possono attivare avvisi e messaggi che, sul momento, possono richiamare i contravventori.

CNA/Youtube

Ad annunciare i dettagli di questi agenti robotici è stata l'Agenzia di Scienza e Tecnologia di Singapore, secondo la quale un loro impiego costante potrà essere prezioso per le pattuglie, al fine di migliorare la loro "efficienza operativa". Sebbene, come già avvenuto in passato e in altri luoghi, soluzioni così abbiano generato non pochi malumori e dubbi, a Singapore sembrano seriamente intenzionati a portare avanti l'impiego di questo tipo di "poliziotti" alternativi. L'essere umano è insostituibile, certo, ma certa tecnologia sembra proprio voler dimostrare il contrario.

Che ne pensate? Soluzione inquietante oppure avanzata e utile?

Advertisement