Philip, il fantasma inventato che apparve a un gruppo di scienziati durante un esperimento - Curioctopus.it
x
Philip, il fantasma inventato che apparve…
Ragazza di 19 anni si trasferisce per sbaglio in una residenza per anziani e racconta la sua esperienza

Philip, il fantasma inventato che apparve a un gruppo di scienziati durante un esperimento

30 Aprile 2021 • di Lorenzo Mattia Nespoli
2.168
Advertisement

Un movimento del tavolo, un colpo sordo, un'improvvisa folata d'aria, le luci che quasi si spengono: siamo riusciti a trasportarvi in una perfetta e tipica atmosfera paranormale? Se la risposta è sì, sappiate che non stiamo descrivendo la scena di un film o di una serie tv a sfondo horror, ma quanto è realmente accaduto a un gruppo di scienziati canadesi che decise di intraprendere un esperimento molto particolare.

Cosa fecero? Tanto semplice quanto incredibile: portarono "in vita" un fantasma. Proprio così: anche se può sembrare un argomento in qualche modo fantastico o comunque poco reale, gli studiosi in questione dimostrarono tutta la potenza della mente umana tramite un test psichico affascinante e inquietante allo stesso tempo. Per farlo, inventarono dal nulla un personaggio storico vissuto nel Seicento, il quale, interpellato, dopo un po' ha incredibilmente risposto.

Se non credete ai fantasmi, la storia che stiamo per raccontarvi potrebbe farvi cambiare prospettiva. Siamo a Toronto nel 1972, e il gruppo di studiosi in questione faceva parte della Toronto Society for Psychical Research. Tra loro c'era anche l'illustre matematico genetista A.R. George Owen, una vera mente scientifica, che decise di mettersi a capo di un esperimento dalle conseguenze decisamente poco "razionali".

Perché decisero di creare un personaggio immaginario? L'obiettivo era quello di determinare se la mente umana fosse in grado di comunicare con soggetti di fantasia, inventati con una tale precisione di dettagli da farli credere reali. Dal fantastico al tangibile, dunque, per opera di una sorta di convinzione collettiva dettata dall'immaginazione dei presenti.

Così "nacque" Phlip Aylesford, un uomo vissuto in Inghilterra a partire dal 1624, dalla formazione militare, dall'aspetto gradevole e dalle travagliate vicende amorose. Vicissitudini che, nell'esistenza inventata dagli scienziati, portarono Philip alla morte per suicidio. I dettagli della sua vita furono studiati e stabiliti con dovizia di particolari, tanto che tutto combaciava ed era supportato da opportune spiegazioni. A quel punto, non restava che mettersi in comunicazione con questo gentiluomo britannico d'altri tempi. A dispetto di tutti coloro che credevano non fosse possibile, l'esperimento riuscì.

Durante diverse sessioni medianiche, il "fantasma" di Aylesford si manifestò sotto forma di poltergeist, ossia di "spirito rumoroso" che muoveva oggetti interagendo col gruppo di scienziati che gli facevano domande. Colpi sul tavolo, sussulti improvvisi, luci tremolanti rispondevano a quanto gli studiosi chiedevano, finché il gruppo decise di mostrare al mondo quanto stava accadendo con una seduta pubblica.

Advertisement

Così, alla presenza di circa 50 persone, la sessione venne filmata e mostrò la presenza di Philip che arrivò a far levitare il tavolo. Il loro fantasma, nonostante tutto, non arrivò mai a materializzarsi, anche se il fatto che avesse prodotto tali risposte fu a dir poco sorprendente, considerando che Philip era stato inventato di sana pianta. A questi fenomeni nessuno, sul momento, fu in grado di fornire una spiegazione scientifica.

Fu solo in una fase successiva che gli scienziati ricondussero gli eventi paranormali a cui avevano assistito al frutto del loro subconscio, che li aveva sconvolti al punto di creare una sorta di allucinazione collettiva. Come fosse possibile che tutto ciò arrivasse a livelli così evidenti, tuttavia, rimase un mistero. Nonostante altri esperimenti simili, che portarono alla creazione di nuovi "spiriti" chiamati Lilith, Axel e Sebastian, non si replicò mai quanto accaduto con Philip. L'esperimento entrò comunque nella storia e nell'immaginario collettivo, tanto da ispirare i film The Quiet Ones e The Apparition (rispettivamente del 2014 e del 2012).

Che ne pensate? Conoscevate la storia di Philip?

Guarda il Video:

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie