Una rara specie d’ape crea i nidi utilizzando petali di fiori diversi: sono piccole opere d’arte - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Una rara specie d’ape crea i nidi…
15 foto mostrano come la Svezia sia un paese unico nel suo genere, da cui molti dovrebbero imparare Questa donna ha creato una startup che trasforma i rifiuti plastici in mattoni più resistenti del cemento

Una rara specie d’ape crea i nidi utilizzando petali di fiori diversi: sono piccole opere d’arte

08 Febbraio 2021 • di Irene Grazia Paladino
1.175
Advertisement

Quando pensiamo alle api, spesso pensiamo a grandissimi alveari popolati da instancabili api operaie. Esiste una rara specie d’ape, chiamata Osmia avosetta, che non ama però vivere e lavorare in gruppo L’Osmia Avosetta è un’ape solitaria, chiamata anche “muratrice”, e ha una particolarità: utilizza petali di fiori diversi per costruire dei nidi complessi per le sue larve. Questa rara ape lavora quindi da sola per offrire un rifugio alle api più piccole.

Come? L'ape madre morde i petali di diversi fiori e porta ogni petalo al sito. Il petalo viene sovrapposto ad altri petali in maniera incredibilmente ordinata: la punta verso il basso e il lato più largo della foglia verso l’alto. Una volta realizzato il primo strato, viene steso un sottile strato di fango e poi viene realizzato un secondo rivestimento di petali.

Dopo un deposito di provviste e una volta pronto il nido, l’uovo viene depositato e il nido sigillato. Il nido serve infatti a proteggere l’uovo da predatori e parassiti e l’umidità dei petali contribuirebbe a mantenere il contenuto d’acqua del nido e delle provviste. Dopo alcuni giorni, l'uovo si schiude in una larva ed è pronto a sbucare fuori. L'ape può impiegare da uno a due giorni per creare questo nido, che per i nostri occhi è una piccola opera d'arte.

Tags: AnimaliCuriosiNatura
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie