Giappone: realizzata una mascherina in fibre di rame che promette di neutralizzare il Covid-19 in 4 ore - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Giappone: realizzata una mascherina…
Un bimbo di 9 anni inventa una macchina per lavarsi le mani senza toccare il rubinetto e limitare il Covid-19 21 foto così ingannevoli che necessitano di più di un'occhiata per essere comprese

Giappone: realizzata una mascherina in fibre di rame che promette di neutralizzare il Covid-19 in 4 ore

07 Giugno 2020 • di Marta Mastrogiovanni
3.781
Advertisement

Sappiamo tutti che nel mondo è in corso un'epidemia di Coronavirus che tutti i Paesi, chi più e chi meno, hanno dovuto affrontare con le giuste misure di sicurezza. Per molto tempo ci siamo chiesti se il Covid-19 potesse resistere sulle superfici per molto tempo: alcuni studi hanno dimostrato che indubbiamente il virus possa resistere per almeno 2-3 giorni sulle superfici di plastica e acciaio, ma solo 4 ore su quelle in rame. In poche parole, il rame sarebbe in grado di "uccidere" il virus in relativamente poco tempo. L'Università di Gunma, in Giappone, ha messo a punto una mascherina con fibre di rame, che renderebbe più efficace la protezione contro il virus.

Sulla pagina ufficiale Facebook del governo giapponese possiamo leggere la notizia: "Migliorando le note proprietà antimicrobiche del rame mediante un fotocatalizzatore, la Gunma University, in collaborazione con un'azienda tessile, la Meisel, ha sviluppato un foglio in fibra di rame che può essere impiegato nella realizzazione di mascherine e altri oggetti quotidiani".

Oltre alle mascherine, dunque, anche i guanti possono essere realizzati con questo materiale anti-Covid. Trattandosi di un passo in avanti piuttosto importante nella prevenzione e nel contenimento di un virus che, di fatto, continua a mietere vittime e a infettare ancora moltissime persone, la Gunma University spera di commercializzare questa scoperta il prima possibile. 

Advertisement

Restiamo in attesa di sviluppi, per quella che potrebbe essere una scoperta molto importante, specialmente per medici e infermieri che ogni giorno combattono in prima linea questa terribile infezione e ne sono più esposti.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie