Tutto quello che dovreste e NON dovreste fare se trovate un pipistrello in difficoltà - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Tutto quello che dovreste e NON dovreste…
Questa azienda ha creato una biancheria intima eco-sostenibile che potreste non lavare per settimane Soffrite di insonnia? Questi esercizi di respirazione vi aiuteranno a dirle addio

Tutto quello che dovreste e NON dovreste fare se trovate un pipistrello in difficoltà

5.809
Advertisement

I pipistrelli sono il secondo gruppo di mammiferi più numeroso dopo i roditori e, anche se non sono molto amati da tutti, le specie presenti in Italia sono assolutamente innocue per l'essere umano. Sono, inoltre, una presenza davvero importante nei vari ecosistemi poiché alcuni di loro contribuiscono all'impollinazione, proprio come le api, e generalmente sono anche molto utili per eliminare insetti e zanzare dal nostro giardino. Non è facile incontrare un pipistrello, a causa della loro vita notturna, ma forse durante il periodo estivo potrebbe essere più facile avvistarne qualcuno. Cosa fare se ci imbattiamo in un pipistrello a terra o altrove? Essendo un animale molto delicato, è importante agire subito per il suo bene.

La prima cosa di cui dobbiamo accertarci è se abbiamo trovato un pipistrello adulto o cucciolo: questa informazione è fondamentale e possiamo dedurla a seconda del periodo dell'anno in cui ci troviamo. I pipistrelli adulti, infatti, si possono trovare soltanto da settembre a maggio, mentre nei mesi di giugno, luglio e agosto potrebbe capitare di trovare cuccioli di pipistrello. 

I primi passi da fare, prima di contattare un esperto o le associazioni di tutela preposte, sono i seguenti:

  • diamogli da bere dell'acqua;
  • mettiamolo in una scatola di cartone chiusa, dove applicare dei piccoli forellini con uno stuzzicadenti;
  • mettiamo della carta assorbente all'interno della scatola (non dell'ovatta!);
  • contattiamo un esperto in grado di aiutarci.

Se hai trovato un pipistrello adulto, non devi assolutamente dargli del latte. Anche se dall'aspetto sembra un cucciolo, se il periodo dell'anno non è quello adatto, saprai di esserti imbattuto in un pipistrello adulto che non ha assolutamente bisogno di essere svezzato. Dobbiamo fare attenzione perché molti cibi possono essere velenosi per i pipistrelli e se sbagliamo, rischiamo di non aiutare il povero animale. Se ci accorgiamo che l'animale risulta debilitato, possiamo somministrargli un po' di pappa reale fresca.

Se, invece, si tratta di un pipistrello cucciolo, scarno o con il manto leggermente ricoperto di peli, non devi dargli il latte in polvere per cani e gatti, perché potrebbe essergli letale. Lo svezzamento di un cucciolo di pipistrello è molto delicato e richiede sicuramente l'intervento di un esperto. Dunque, non esitate a contattarlo.

Se trovate un pipistrello rivolgetevi di corsa alle associazioni specializzate, scrivendo al loro indirizzo email e riportando foto e luogo in cui avete trovato il pipistrello!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie