Dare il pane agli uccelli acquatici non è un gesto d'amore: in Francia 30 cigni sono deceduti per colpa dei turisti - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Dare il pane agli uccelli acquatici…
17 persone a cui la genetica ha donato delle caratteristiche fuori dal coro 8 modi in cui nel mondo i paesi stanno cercando di contrastare l'inquinamento... con ingegno e creatività

Dare il pane agli uccelli acquatici non è un gesto d'amore: in Francia 30 cigni sono deceduti per colpa dei turisti

29.407
Advertisement

Nel vedere degli uccelli acquatici in riva ad un laghetto o un fiume non resistiamo alla voglia di dare loro da mangiare qualcosa, convinti che siano affamati e digiuni da chissà quanto tempo. Altre volte, portare da casa del cibo è solo una scusa per poter vedere più da vicino questi bellissimi animali.

Quello che appare a tutti gli effetti come un gesto innocente – d'altronde, che potrà mai fare loro un po' di pane – è in realtà un attentato alla vita degli animali, tant'è che ha meritato cartelli di divieto nei luoghi pubblici.

Ma perché è vietato dare il pane, o in generale il cibo da casa, agli uccelli acquatici? Una vicenda accaduta in Francia ci dà l'occasione per spiegarlo.

immagine: Yerpo/Wikimedia

Ad Erstein, nell'Alsazia, circa 30 cigni sono deceduti in massa. Quella che ad una prima osservazione è sembrata come un'epidemia, si è rivelata in realtà un incidente del tutto evitabile se i turisti si fossero limitati a leggere i cartelloni affissi in riva al fiume.

Come accade spesso nei parchi e nei luoghi pubblici affacciati ad un corso d'acqua, i divieti limitano la possibilità di dare da mangiare agli uccelli acquatici. Un divieto che va decisamente in controtendenza rispetto a ciò che siamo comunemente abituati a fare e che abbiamo sempre visto fare nei film: lanciare molliche di pane ai cigni, anatre o oche per sfamarli o per farli avvicinare.

immagine: pixabay

Proprio questo gesto "d'amore" nei confronti degli animali ha portato i cigni francesi al più tragico degli epiloghi.

Perché è vietato dare da mangiare agli uccelli acquatici?

Lo hanno spiegato, in occasione dell'incidente in Alsazia, i responsabili della Lega Protezione degli uccelli francese (LPO): i cigni sono deceduti a causa di un batterio che ha proliferato all'interno del loro tratto digestivo. Il batterio si sviluppa originariamente nel pane lasciato a lungo a contatto con l'acqua, che poi può essere ingerito dai ghiotti uccelli.

Gli animali acquatici, infatti, sono molto golosi di pane, non curanti dell'effetto che può avere su di loro: oltre a renderli dipendenti dagli esseri umani, il pane che viene dato loro li fa ammalare.

Advertisement

È facile notare uccelli acquatici con la caratteristica "ala d'angelo", una deformazione che fa piegare l'ala verso l'esterno invece di farla rimanere aderente al corpo: secondo gli studi, è causata da una cattiva alimentazione, ricca di zuccheri e carboidrati, riconducibile all'abitudine degli esseri umani di gettare in acqua pezzi di pane o di tutto ciò che hanno a portata di mano.

Come specifica la LPO stessa, non è detto che bisogna rinunciare completamente a dare da mangiare agli uccelli acquatici, anche se comunque è preferibile evitarlo:

"La fauna acquatica non ha bisogno degli uomini per sopravvivere. I cigni, le anatre e le oche sono prevalentemente erbivori. Se proprio vuoi dare loro da mangiare porta con te mais cotto, insalata verde o del grano".

Impariamo a rispettare i divieti e ad informarci: fare di testa propria può avere conseguenze nefaste, come la moria in massa di bellissimi animali!

Source:

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie