Inaugurata la prima centrale solare a pochi metri dal reattore di Cernobyl: ecco tutti i dettagli del progetto - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Inaugurata la prima centrale solare…
Alcuni monumenti e luoghi sacri della civiltà Maya che raramente vengono mostrati ai turisti Il sistema di pulizia degli oceani ha appena finito i test ed già in viaggio verso l'Isola di Plastica del Pacifico

Inaugurata la prima centrale solare a pochi metri dal reattore di Cernobyl: ecco tutti i dettagli del progetto

4.764
Advertisement

Il disastro nucleare di Cernobyl ha lasciato un segno indelebile nella storia di intere generazioni, che hanno vissuto direttamente o a distanza una delle più grandi catastrofi nucleari della storia. Molti progetti sono stati avviati per far sì che il ricordo di quegli eventi non si perdesse, e fungesse da monito per riconsiderare e pianificare nuove strategie energetiche.

A circa tre decenni da quel terribile evento, siamo contenti di poter annunciare l'avviamento di un progetto dall'alto valore simbolico: l'apertura del primo impianto fotovoltaico sui terreni contaminati dalle radiazioni.

La struttura è stata messa a punto a luglio 2018 ed inaugurata ad ottobre da una compagnia energetica ucraina (Rodina) e una tedesca (Enerparc AG); conta oltre 3.700 pannelli solari dislocati su una superficie di 1,6 ettari. Si tratta al momento di un piccolo impianto, capace di sostenere il consumo di 2.000 abitazioni, ma il suo valore è enorme: si trova infatti a pochi metri dal reattore 4, il fulcro del disastro del 1986.

Ricorrere al solare sembra essere la soluzione migliore per la zona di esclusione, poiché i terreni non sono adatti alla coltivazione e tanto meno all'abitazione. Inoltre, aspetto da non sottovalutare, installare una centrale solare in quelle zone permetterebbe di utilizzare le strutture già esistenti per il trasporto dell'energia verso le abitazioni, che venivano utilizzate precedentemente dall'impianto nucleare.

Le aziende investitrici prevedono di potenziare la produzione fino a 100 MW nei prossimi mesi: le premesse ci sono tutte per un progetto di altissimo valore, ambientale e simbolico.

Advertisement
Tags: TecnologiaGreen
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie