Il motivo storico per cui l'ultimo bottone delle giacche da uomo deve essere sempre lasciato sbottonato - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Il motivo storico per cui l'ultimo bottone…
12 foto che ci danno la possibilità di vedere alcune rarità del mondo in cui viviamo I commercianti che espongono le bottiglie di acqua al sole commettono un reato: lo dice la Cassazione

Il motivo storico per cui l'ultimo bottone delle giacche da uomo deve essere sempre lasciato sbottonato

30 Agosto 2018 • di Claudia Melucci
29.900
Advertisement

Esiste una regola molto semplice in relazione alla moda da uomo, che si può riassumere con il detto "Sempre, qualche volta, mai." A cosa si riferisce? Ai bottoni delle giacche da uomo: il primo in alto va sempre abbottonato, il secondo è a propria discrezione e il terzo deve essere sempre sbottonato. Si tratta di una regola che ha un'origine antica, ma che ancora oggi viene rispettata quasi a occhi chiusi. Ma da dove viene questa usanza?

Gli uomini lasciano sempre l'ultimo bottone delle giacche sbottonato: qual è il motivo di questa regola della moda così rigida?

L'origine risale agli inizi del '900 e la sua diffusione viene attribuita al re Edoardo VII, che regnò nel Regno Unito dal 1901 al 1910. Gli esperti del fashion e gli storici sostengono che il reale, quando era ancora solo il principe del Galles, era già sovrappeso tanto da non riuscire ad abbottonare correttamente tutti i bottoni delle giacche.

Come segno di rispetto, successivamente, anche i cittadini inglesi e quelli delle colonie iniziarono a portare le giacche senza abbottonare l'ultimo bottone in basso. Negli anni questa moda divenne quasi una regola del ben vestire, tant'è che oggi alcuni stilisti ottimizzano le forme delle giacche supponendo proprio che l'ultimo bottone non venga chiuso.

Analizzando l'evoluzione degli abiti da uomo, però, a questa regola potrebbe esserci anche un'altra spiegazione.

L'abito monopetto si sono diffuse a partire dal 1906 ed era considerato un tipo di abbigliamento comodo, da usare nella quotidianità. Aveva uno spacco sul retro in modo da essere comodo anche durante una cavalcata. Con il tempo, l'abito monopetto iniziò a prendere il posto dei cappotti da equitazione. Questo rese necessarie alcune modifiche, come quella di portare più in alto l'ultimo bottone che comunque doveva essere lasciato sbottonato per una maggiore comodità. In ogni caso, pare che fu sempre Edoardo VII a diffondere la moda, volendo rendere omaggio ai vecchi cappotti che le giacche di tendenza stavano sostituendo.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie