Invecchiare tra amici: in Europa sempre più persone scelgono di vivere nelle abitazioni collaborative - Curioctopus.it
x
Invecchiare tra amici: in Europa sempre…
Un microchip sottopelle al posto di carte e documenti: in Svezia tutto questo è già realtà Non lasciare che tutti bacino il tuo bambino: ecco cosa è successo a questa neonata a causa di un bacio

Invecchiare tra amici: in Europa sempre più persone scelgono di vivere nelle abitazioni collaborative

30 Luglio 2018 • di Claudia Melucci
137.715
Advertisement

Una volta essere vicini di casa era molto di più che abitare a pochi metri di distanza: voleva dire sapere di poter fare affidamento su una persona, magari condividere dei momenti insieme e stabilire qualcosa di simile ad un'amicizia.

Oggi i rapporti tra vicini di casa sono molto cambiati, nelle maggior parte dei casi non ci si conosce nemmeno, oppure non si è in buoni rapporti. In Europa e negli Stati Uniti, però, stanno sorgendo dei quartieri in cui si cerca di ripristinare i valori solidali del vicinato e in cui molte persone scelgono di invecchiare.

Cohousing was featured on PBS NewsHour this weekend! Including both the 1st Danish community and Rocky Hill Cohousing...

Pubblicato da Cohousing Association of the US su Lunedì 13 febbraio 2017

Una delle preoccupazioni delle persone anziane riguarda il luogo in cui trascorreranno la vecchiaia: molte sono convinte di non voler essere un peso per i figli, altre di non voler restare sole.

Nascono per vanificare queste preoccupazioni le cosiddette abitazioni collaborative, ovvero quartieri in cui ogni nucleo familiare può godere di spazi privati insieme a spazi condivisi in cui incontrarsi con il resto del vicinato. 

In Europa sono già molti i quartieri nati con questa prerogativa: ripristinare i valori solidali tra vicini e stabilire una collaborazione reciproca.

Il co-housing (le co-abitazioni in cui nasce una vera e propria comunità) si presenta come la soluzione ai problemi legati all'invecchiamento, alla gestione della casa e alla persona stessa: in questo tipo di quartieri si invecchia attivamente, stando in compagnia, tenendo in movimento il corpo e la mente, sentendosi di fare parte di una comunità, risparmiando soldi e divertendosi.

Advertisement

Le abitazioni collaborative nacquero in Olanda negli anni '70, quando a decidere di trasferirsi in quartieri 'ad hoc' furono giovani famiglie.

Register today for the 2018 Regional Cohousing Conference in beautiful Boulder, Colorado! Early bird registration has...

Pubblicato da CoHousing Solutions su Giovedì 1 marzo 2018

Allora si abitavano spazi privati, ma si potevano condividere le pulizie e i lavori domestici, l'educazione dei bambini e l'organizzazione di eventi comuni. Quando, però, le giovani famiglie iniziarono ad invecchiare, si resero conto di avere delle necessità diverse da quelle delle nuove giovani famiglie. 

Nacquero così quindi i quartieri 'senior', quelli abitati esclusivamente da persone 'di una certa età' che ricercano nel quartiere abitato la calma, la serenità, i rapporti di amicizia e la sicurezza di poter contare sulle persone che abitano nelle vicinanze.

immagine: CoHousing Solutions

Si tratta di un modo di trascorrere la fase matura della propria vita del tutto diverso da quello tradizionale, con l'adeguata assistenza in quartiere che sta al passo con le proprie esigenze.

I quartieri collaborativi sono la dimostrazione che invecchiare con serenità, circondate da persone amiche, si può ed è anche molto conveniente. 

E voi, passereste la vostra 'vecchiaia' in uno di questi quartieri?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie