Dei ricercatori mettono a punto il super-legno: più duro dell'acciaio e in grado di fermare i proiettili - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Dei ricercatori mettono a punto il super-legno:…
Questo fotografo unisce soggetti completamente diversi e ottiene risultati strabilianti Giovani e violenti: secondo un esperto il problema nasce dalla devozione dei genitori e dall'assenza di 'NO'

Dei ricercatori mettono a punto il super-legno: più duro dell'acciaio e in grado di fermare i proiettili

4.797
Advertisement

Scordatevi tutte (o quasi) le cose che sapete sul legno: un team di ingegneri dell'Università del Maryland College Park ha messo a punto un nuovo materiale ricavato dal legno che ha una resistenza superiore a quella di molti metalli. Anche in quanto a durevolezza si rivela un portento: è paragonabile alle fibre di carbonio, ma con un processo di produzione molto più economico. Potrebbe essere la base per le abitazioni del domani, ma anche per le automobili o per gli schermi antiproiettile.

immagine: Liangbing Hu e Teng Li

Uno degli aspetti chiave che entusiasmano il mondo scientifico è la sostenibilità di questo materiale: se l'acciaio, per fare un esempio, ha un impatto ambientale altissimo in termini di emissioni e consumo di energia, il legno è facilmente reperibile e a basso costo. Aveva solo bisogno di essere 'perfezionato' per adeguarsi alle moderne necessità di costruzione.

Come ha spiegato Liangbing Hu, il ricercatore che insieme al collega Teng Li ha messo a punto il processo di produzione, si tratta semplicemente - per così dire - di rimuovere la giusta percentuale di lignina e permettere al materiale di ricompattarsi. La prima fase (rimozione di lignina ed emicellulose) avviene tramite bollitura prolungata (7 ore) ed immersione in una speciale miscela. Successivamente il legno (il cui spessore si è già ridotto dell'80%) viene pressato a 100 gradi per un intero giorno, disintegrando le pareti cellulari, compattando le nanofibre e inducendole ad allinearsi in un materiale super-resistente.

In passato erano già stati sperimentati processi simili, ma la resistenza finale del prodotto non era tale da aprirgli nuovi orizzonti di utilizzo. In questo caso, invece, si arriva ad un materiale 10 volte più resistente di quello originario.

I ricercatori hanno impiegato legno di tiglio, pioppo, tuja, pino bianco americano e quercia, ottenendo in tutti i casi risultati identici. Il test che lo ha consacrato come super-materiale? Ovviamente quello contro i proiettili: 3 centimetri di legno sono stati in grado di fermare proiettili da 46 grammi che procedevano a 30 metri al secondo. Niente male, per essere solo un pezzo di legno...

Sources:

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie