Il modo in cui parliamo ai bambini modifica il loro cervello - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Il modo in cui parliamo ai bambini modifica…
Se sai svolgere uno di questi lavori, il Canada ti sta aspettando Apre ad Amsterdam il primo supermercato al mondo privo di plastica

Il modo in cui parliamo ai bambini modifica il loro cervello

02 Marzo 2018 • di Giulia Bertoni
3.679
Advertisement

Nel 1995 uno studio statunitense denominato "La catastrofe primordiale" spiegava al mondo che nelle famiglie agiate i bambini da zero a tre anni ascoltavano in media 30 milioni di parole in più rispetto ai loro coetanei nati in famiglie con reddito basso, un fatto che andava a influire su vocabolario, sviluppo linguistico e capacità di comprensione del testo.
Ora un nuovo studio approfondisce la questione rivelando che non conta solo la quantità di parole usate, ma anche il modo in cui esse vengono rivolte al bambino.

Modifiche nella fisiologia del cervello

immagine: pexels.com

Gli esperti di sviluppo cognitivo del MIT hanno realizzato uno studio che ha coinvolto bambini dai 4 ai 6 anni e rilevato che una reale interazione di botta e risposta fra adulto e bambino sembra modificare il suo cervello ed essere più decisiva del gap di parole ascoltate nei diversi nuclei famigliari.
Nello specifico, gli scienziati sono stati in grado di osservare come il numero di turni di conversazione siano il vero elemento discriminante: essi sono fortemente collegati al successo dei bambini in test di grammatica, vocabolario e produzione orale, e sono anche stati associati a una maggiore attività della cosiddetta "area di Broca", quella parte del cervello responsabile dello sviluppo e dell'elaborazione del linguaggio. Questa scoperta è risultata valida a prescindere dal ceto sociale e dal reddito famigliare di provenienza del bambino.

In sostanza, per lo sviluppo linguistico e cognitivo del bambino, riversare su di lui fiumi di parole non è neanche lontanamente efficace come coinvolgerlo in scambi comunicativi che implichino la sua produzione orale. È con le conversazioni vere e proprie che si verificano dei cambiamenti nella fisiologia del cervello realmente utili per il suo sviluppo.

Sources:

https://www.aft.org/sites/default/files/periodicals/TheEarlyCatastrophe.pdf
http://news.mit.edu/2018/conversation-boost-childrens-brain-response-language-0214

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie