Nasce in Italia il primo pandoro con farina di insetti: dal 2018 sarà possibile assaggiarlo

Claudia Melucci image
di Claudia Melucci

21 Dicembre 2017

Nasce in Italia il primo pandoro con farina di insetti: dal 2018 sarà possibile assaggiarlo
Advertisement

Che in un futuro prossimo inizieremo a mangiare insetti già lo sapevamo: siamo al corrente del fatto che gli insetti sono l'alternativa sostenibile ed ecologia agli allevamenti animali, ma da qui a leggere 'Pandoro di farina di insetti' pensavamo che ne sarebbe passato di tempo. E invece, a quanto pare, a partire dal prossimo anno potremo regalare e portare in tavola un gustoso pandoro anticonvenzionale.

Immagine di copertina: Armin Kübelbeck, CC-BY-SAWikimedia Commons | Maxpixel

Advertisement

Lo ha inventato Roberto Cavasin, cuoco appassionato di cucina a base di insetti, che cerca di sfatare il mito che 'insetto' significhi di cattivo gusto.

Lo ha inventato Roberto Cavasin, cuoco appassionato di cucina a base di insetti, che cerca di sfatare il mito che 'insetto' significhi di cattivo gusto.

Armin Kübelbeck, CC-BY-SA, Wikimedia Commons

Lo chef possiede un blog su internet, Masterbug, ricco di spunti e idee per iniziare a muovere i primi passi nella cucia 'con le antenne'. Il suo prodotto, forse perché non è il solito piatto di cavallette fritte spacciato per delizioso, ha messo in scompiglio il mondo intero, tranne i paesi in cui mangiare insetti è una vecchia storia. 

Per la precisione, il dolce tradizionale italiano è stato preparato con farina di bachi da seta, uno degli ingredienti più pregiati nella cucina 'entomofaga': rispetto a quello originale, il pandoro prodotto da Cavasin vanta di proprietà nutrizionali che fanno invidia. La farina di bachi, a peso secco, ha un contenuto proteico del 55,6% e un contenuto lipidico del 32,2%.

Questo pandoro è adatto anche per chi è fortemente dubbioso del gusto dei preparati a base di insetti: in questo caso infatti, la quantità di farina 'verde' è solo del 20%, il resto è farina tradizionale, burro, latte e uova. Chi lo ha assaggiato sostiene che si avvicini molto al sapore che ben conosciamo, ma più forte e tendente alla nocciola. Non sembra poi così male. 

Se siete impaziente di provarlo, dovrete aspettare il prossimo anno, il 2018, quando in Europa verrà sancito un nuovo regolamento sul Novel Food, che aprirà la strada alla vendita e alla somministrazione di insetti: oppure, nel frattempo, potete cimentarvi in una preparazione casalinga tutta da conoscere!

Chissà, forse con la scusa di un bel pandoro molti si convertiranno alla cucina a base di insetti! 

Photographer: Armin Kübelbeck, CC-BY-SAWikimedia Commons

Advertisement