Dire parolacce aumenta la forza fisica: ora ne abbiamo le prove - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Dire parolacce aumenta la forza fisica:…
Nessuno le dà lavoro perché ha la Sindrome di Down: ora la sua pasticceria è oberata di ordini Uno studio norvegese ha quantificato le radiazioni che ci hanno colpiti dopo Fukushima: ecco i risultati

Dire parolacce aumenta la forza fisica: ora ne abbiamo le prove

7.377
Advertisement

Probabilmente molti di voi si erano già accorti di questo fenomeno, ma come spiegarselo? Come essere certi della correlazione tra i nostri improperi e la capacità di superare prove fisicamente impegnative? Finalmente Richards Stephens, psicologo e ricercatore britannico presso l'università Keele, ha raccolto una quantità di dati sufficienti a dimostrare la relazione tra l'aumento di forza e le parolacce che diciamo mentre compiamo uno sforzo.

immagine: ellsworth.af.mil

Il dott. Stephens aveva già dimostrato come le imprecazioni aumentassero la sopportazione del dolore e a partire da quell'idea ha sviluppato questa seconda ricerca. 

L'esperimento si divideva in due parti, una prima parte dove i soggetti (tutti di età tra i diciannove e i ventun anni) pedalando su una cyclette o afferrando un oggetto dovevano dire delle parolacce e una seconda parte in cui invece veniva chiesto loro di pronunciare una parola neutra (come ad esempio "marrone"). Una volta raccolti i dati si è riscontrato che quando i soggetti dicevano parolacce pedalando hanno sviluppato una potenza massima di 24 watt superiore rispetto a quando non le dicevano. Nel compito di afferrare l'oggetto l'aumento della forza è stato invece di circa 2,1 kg nei casi in cui si pronunciavano improperi.

Come mai questo accada non è ancora chiaro, anche perché dai dati raccolti si è riscontrato che il battito cardiaco durante le imprecazioni non è aumentato al contrario di quello che si sarebbe invece potuto credere. Bisognerà perciò attendere un esperimento compiuto su un campione più ampio per raccogliere altre informazioni che possano spiegarci questo bizzarro comportamento del nostro corpo.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie