Il bambino che combatte per la vita facendo triathlon: la storia più tenera (e triste) che leggerete oggi - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Il bambino che combatte per la vita…
Chiede alla moglie di rimandare la foto di famiglia: quando lei chiede il perché riceve QUESTO messaggio Scaldi il riso nel forno a microonde? Per i medici il rischio di intossicazione è altissimo

Il bambino che combatte per la vita facendo triathlon: la storia più tenera (e triste) che leggerete oggi

06 Aprile 2017 • di Simone Troja
15.054
Advertisement

Jake Vella è un bambino maltese di 8 anni affetto da una malattia rara orribile: nonostante un'assidua attività fisica e un'alimentazione rigidamente controllata, il piccolo è costantemente alle prese con un aumento di peso (e altri problemi di salute) che ogni giorno mette in pericolo la sua vita.
Per contrastare gli effetti di questa malattia, Jake si dedica al triathlon con tutte le sue forze e, nel frattempo, si sforza di vivere una vita il più possibile uguale a quella dei suoi coetanei. Eccolo portare a termine un'impegnativa gara con l'incitamento del suo primo allenatore e sostenitore: il suo papà.

immagine: lovinmalta.com

La malattia che ha colpito Jake si chiama sindrome ROHHAD e, che si sappia, solo 75 persone al mondo ne soffrono. Oltre a causare un improvviso e rapido aumento di peso, Jake ha a che fare anche con una disfunzione dell'ipotalamo, ipo-ventilazione e disturbi al sistema nervoso.
I dottori non sono certi di quanto tempo gli sia rimasto da vivere, poiché nessuno di coloro che ha contratto questa forma disfunzionale è arrivato oltre i vent'anni e purtroppo non esiste cura. Di solito la gravità della situazione dipende dal tipo di tumori che spesso accompagnano questo disturbo, nel caso di Jake è alla schiena. Tuttavia il ragazzo ha deciso di non arrendersi e di lottare finché ne avrà la forza, ed è per questo ha deciso di dedicarsi al triathlon e allenarsi per portare a termine più gare possibili nella sua bellissima Malta.

immagine: lovinmalta.com

Riuscire a tagliare il traguardo era un suo sogno che andava al di là del benessere che ha ricavato dalla prestazione atletica in sé: il ragazzino voleva emulare le gesta dei fratelli Brownlee, due atleti pluri-premiati per i quali Jake è stato disposto ad allenarsi duramente e correre il rischio cadere vittima dei pregiudizi che le persone avrebbero avuto solo guardandolo.

Advertisement
immagine: lovinmalta.com

Sua madre Maruska ha detto in un'intervista: "Il Triathlon aiuta Jake a mantenersi in forma e attivo. Gli fa bene alla salute e gli dà l'opportunità di socializzare con altri ragazzi della sua età". Ogni giorno vive una vita normale, va a scuola, suona la batteria, ma i genitori devono stare molto attenti che non si ammali, anche un semplice raffreddore potrebbe portare a delle terribili complicazioni.

immagine: lovinmalta.com

Jake si allena tre volte alla settimana con la Malta Youth Triathlon Association e le famiglie degli altri bambini sono sempre pronti a supportarlo, così come i suoi genitori. È in questo modo che Jake riesce a lottare, con l'amore delle persone che gli sono intorno.

 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie