Quest'uomo percorre ogni giorno decine di chilometri nell'afa africana per salvare gli animali dalla siccità - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Quest'uomo percorre ogni giorno decine…
Leggi ma dimentichi subito i contenuti? Ecco le tecniche di base per ricordare più facilmente Ecodotti rispettosi della natura: grazie a questi passaggi TUTTI gli animali sono al sicuro

Quest'uomo percorre ogni giorno decine di chilometri nell'afa africana per salvare gli animali dalla siccità

9.408
Advertisement

Nel suo villaggio è un semplice contadino ma ogni giorno, a bordo di una grande cisterna mobile, un uomo di nome Patrik Kilonzo Mwalua porta acqua a tantissimi degli animali dello Tsavo National Park, in Kenia. 
Lo chiamano il guardiano degli elefanti di Tsavo e affronta quotidianamente l'afa della savana keniota per rispondere al suo senso del dovere e aiutare gli animali alle prese con la siccità

Patrik Kilonzo Mwalua ha preso talmente tanto a cuore il problema degli animali affetti dalle conseguenze dei cambiamenti climatici da aver fondato l'associazione "TSAVO Volunteers".

immagine: Facebook

Qui potete visionare la pagina Facebook dell'associazione.

Il suo grande amore per la la fauna della zona lo portano ogni giorno a percorrere decine e decine di chilometri per portare acqua a zebre, elefanti, gazzelle e tanti altri animali che ogni giorno rischiano di morire di sete.

immagine: Facebook
Advertisement

Eccolo accanto alla cisterna della salvezza, un mezzo in grado di raccogliere circa 10 mila litri di acqua.

immagine: Facebook

Ogni giorno, affrontando ore di afa, Patrik arriva alle pozze che prima raccoglievano l'acqua piovana e le riempie per gli animali.

immagine: Facebook

Nonostante si tratti di animali selvatici, quando Patrik arriva in un luogo questi sembrano riconoscerlo e lo lasciano lavorare tranquillamente.

immagine: Facebook
Advertisement

In questa situazione di siccità, gli animali si affaticano a percorrere distanze insolitamente lunghe per trovare acqua e questo li espone in maniera eccessiva non solo alla sete ma anche ai predatori.

immagine: Facebook

"Dal giugno del 2016 a oggi le piogge sono diminuite molto e così i bacini che prima raccoglievano acqua e che gli animali ricordavano ora risultano vuoti. Se non portassi io l'acqua, morirebbero", spiega l'uomo.

immagine: Facebook
Advertisement

La maggiore preoccupazione di Patrik sono gli elefanti poiché per trovare acqua essi si spingono in zone sempre più distanti, esponendosi così anche alla caccia di frodo.

immagine: Facebook

"Gli elefanti sono una specie a rischio; salvarli dalla siccità significa anche proteggerli dal bracconaggio".

immagine: Facebook

Presso la sua pagina c'è la possibilità di aiutare la fondazione a crescere, effettuando una piccola donazione. Patrik non permetterà che altri animali, come in passato, vengano uccisi dalla siccità, per questo ogni giorno accende l'autocisterna e inizia il suo giro.

Tags: AfricaStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie