Fra 2 mesi, quando il sole sorgerà di nuovo, questa città dell'Alaska non sarà più la stessa - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Fra 2 mesi, quando il sole sorgerà…
Una delle ultime tribù COMPLETAMENTE isolate: ecco perché oggi rischia di scomparire Risolto il mistero della NEBBIA assassina di Londra, che uccise ben 12.000 persone nel 1952

Fra 2 mesi, quando il sole sorgerà di nuovo, questa città dell'Alaska non sarà più la stessa

15.692
Advertisement

Barrow era una cittadina dell'Alaska nota per essere il centro abitato degli Stati Uniti posto più a nord di qualsiasi altro.
Diciamo 'era' non perché non esiste più ma perché un referendum che ha avuto luogo il 4 ottobre 2016 ha portato alla decisione di accantonare il nome col quale era conosciuta fino ad allora per iniziare a utilizzare quello in lingua Iñupiaq. Dei 4.300 abitanti di questa città, infatti, oltre il 60% è di etnia nativa dell'Alaska e il voto è stato richiesto come atto di decolonizzazione linguistica di quelle terre.

In questa città compresa all'interno del circolo polare artico il sole tramonta fra il 18 e il 19 novembre e rimane al di sotto dell'orizzonte per 65 giorni.

immagine: Google Maps

Quest'anno la notte polare assume un significato particolare per questa città dell'estremo nord: il 4 ottobre i cittadini della città di Barrow sono stati chiamati a decidere se continuare a mantenere il nome attribuitole nel 1826 o se invece adottare ufficialmente quello di Utqiaġvik, ossia quello in lingua Iñupiaq. Con 381 a favore e 375 contrari, l'esito del voto ha fatto sì che si optasse per questo cambiamento.

Dal momento che occorrono 45 giorni affinché la notifica divenga ufficiale, quando il sole comparirà nuovamente all'orizzonte fra il 22 e il 23 gennaio 2017 la città avrà cambiato nome.

I sostenitori del sì hanno commentato l'esito del voto dicendo che "dopo essere stati costretti a smettere di usare la nostra lingua dai missionari che per primi giunsero qui a scolarizzare la popolazione secondo i canoni dell'epoca, è ora di recuperare le nostre tradizioni poiché è l'unico modo per mandare avanti la cultura Iñupiat".
I sostenitori del no si dicono preoccupati principalmente per i costi implicati nella modifica di tutte le insegne, i cartelli stradali e in generale i riferimenti ufficiali alla città.

Tags: UsaCuriosi
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie