Il genio della lampada: ecco l'inaspettata origine di questa figura fantastica - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Il genio della lampada: ecco l'inaspettata…
Piccoli proprietari contro grandi costruttori: 13 case che resistono alla demolizione 20 foto assurde che vi faranno chiedere: come hanno fatto?

Il genio della lampada: ecco l'inaspettata origine di questa figura fantastica

10.981
Advertisement

Tutti noi conosciamo la figura del genio della lampada, vuoi perché si è letto il racconto Aladino e la lampada meravigliosa (Le Mille e una notte) o perché se ne conosce la trasposizione cinematografica degli anni Novanta; tutti abbiamo in mente l'immagine di quest'omone che sbuca da una lampada a olio quando sfregata, ma da dove nasce questa figura? V'incuriosirà sapere che si tratta di una storia nata centinaia di anni prima della cultura islamica e che ha dei collegamenti con la cultura occidentale...

I jin sono delle creature soprannaturali della mitologia araba antica. Si pensa che il termine 'jinn' derivi dalla radice semitica per 'nascondere'; per questo i jinn vengono anche detti "esseri che si celano ai sensi".

Nel Corano la natura di questa figura è indicata come quella di esseri creati da un grande fuoco senza fumo con una consistenza fisica propria, provvisti di libero arbitrio e capaci d'interagire con gli esseri umani.

Advertisement

Altre caratteristiche e similitudine con la cultura occidentale.

Nella cultura islamica i jinn hanno un'organizzazione sociale simile a quella degli umani, possono presentarsi in figura di animale o assumere sembianze umane quando vogliono ingannare qualcuno e vendicare un torto. Alcune tradizioni, inoltre, li suddividono in tre categorie: quelli che viaggiano incessantemente, quelli che somigliano a cani o serpenti e infine quelli che hanno le ali e possono volare. Quest'ultima caratteristica, in particolare, ricorda la figura del genio della mitologia romana, il nume tutelare che protegge famiglie così come singoli individui, da cui a sua volta ebbe origine quella dell'angelo custode. Anche nella cultura occidentale, inoltre, il genio veniva spesso rappresentato nella forma di serpente.

Jinn come demoni?

La figura del genio è stata descritta principalmente come fonte di guai: il teologo islamico Ibn Taymiyyah (1263-1328) li delineò "ignoranti, bugiardi, oppressivi e infidi", mentre nella cultura popolare generale si ritiene che ad ogni essere umano sia "assegnato" un jinn, ossia un 'compagno costante' chiamato qareen che tenta continuamente di spingerlo a comportarsi male e a disobbedire ad Allah. Vi ricorda qualcosa?

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie