Sulla casa di una famiglia in vacanza appaiono delle scritte razziste: la risposta dei vicini è emozionante

Claudia Melucci image
di Claudia Melucci

01 Settembre 2016

Sulla casa di una famiglia in vacanza appaiono delle scritte razziste: la risposta dei vicini è emozionante
Advertisement

A giudicare dai recenti eventi accaduti negli Stati Uniti, l'odio razziale non può dirsi totalmente estinto. La tensione tra i cittadini bianchi e neri torna ad essere più minacciosa di altre volte a causa anche del coinvolgimento delle forze dell'ordine accusate di agire violentemente nei confronti degli afroamericani.

Tuttavia la cittadina americana di Tenino ha dato prova di un grande senso di civiltà ed umanità che va ben oltre le differenze culturali.

Ecco cosa è successo.

via king5.com

La famiglia Phillips si trovava in vacanza quando un gruppo affiliato al "KKK" ha deturpato la casa e il furgone con scritte razziali impronunciabili.

La famiglia Phillips si trovava in vacanza quando un gruppo affiliato al "KKK" ha deturpato la casa e il furgone con scritte razziali impronunciabili.
Advertisement

Alla vista degli insulti lo sgomento si è diffuso in tutta la cittadina: i vicini di casa sapevano che la cosa migliore da fare era cancellare quelle scritta prima del ritorno della famiglia Phillips.

Alla vista degli insulti lo sgomento si è diffuso in tutta la cittadina: i vicini di casa sapevano che la cosa migliore da fare era cancellare quelle scritta prima del ritorno della famiglia Phillips.

Il coinvolgimento e lo spirito di solidarietà è stato sorprendente: amici, conoscenti e sconosciuti si sono mostrati uniti nel ridipingere la facciata della casa e il furgone danneggiato.

Il coinvolgimento e lo spirito di solidarietà è stato sorprendente: amici, conoscenti e sconosciuti si sono mostrati uniti nel ridipingere la facciata della casa e il furgone danneggiato.

I Phillips sono venuti a conoscenza dell'accaduto solo il giorno dopo il ritorno: l'impegno dell'intera cittadina ha reso impossibile trattenere le lacrime. I residenti hanno risposto con parole semplici ma che contengono un significato profondo:

"Questa è una città. Noi siamo una famiglia. E sapere che questo è accaduto a loro è devastante, non lo meritano". 

Gli estremisti del KKK si sono decisamente immischiati con la famiglia sbagliata!

Advertisement