Quando i soldi erano carta straccia: le incredibili immagini del tracollo tedesco del 1923 - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Quando i soldi erano carta straccia:…
Follie immobiliari: una coppia vende un bilocale a Londra e riesce a comprare un CASTELLO in Francia. Da secoli questa fontana terrorizza i bambini di Berna, ma il suo significato resta un mistero

Quando i soldi erano carta straccia: le incredibili immagini del tracollo tedesco del 1923

7.515
Advertisement

Alla fine della Prima guerra mondiale i debiti che la Germania dovette pagare ammontavano a cifre stratosferiche; oltre ai danni che doveva ai vincitori, poi, il Paese aveva deciso di entrare in guerra finanziando l'opera interamente con i prestiti obbligazionari che era sicuro di poter ripagare con i soldi dei vinti una volta terminati gli scontri. Purtroppo per loro le cose non andarono così e fra il giugno del 1921 e il gennaio del 1923 l'iperinflazione che colpì l'allora Repubblica di Weimar fece aumentare i prezzi dei beni al punto che il marco tedesco era arrivato a valere un bilionesimo del valore del 1914.

Immagini: Live Journal

via: Spiegel

La portata dell'inflazione aveva reso di valore pressoché nullo intere mazzette di marchi.

immagine: Newstateman.com
Advertisement

Mentre il governo commissionava a 130 officine per il conio di produrre in serie pile e pile di banconote, la popolazione si trovava a fare compravendite sempre più assurde.

I bambini erano liberi di usare le banconote per i loro giochi.

Advertisement

Alcune famiglie passarono direttamente al baratto di beni materiali.

I camerieri dovevano dovevano aggiornare i prezzi dei menù ogni ora.

Advertisement

Ogni uso era divenuto ormai lecito, incluso l'utilizzo delle banconote per alimentare le stufe...

Advertisement

... farne vestiti e...

... usarle come carta da parati!

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie