Le affascinanti immagini della sepoltura dei martiri medievali tra oro e pietre preziose - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Le affascinanti immagini della sepoltura…
Troppo grandi per essere veri: 14 esemplari di animali decisamente fuori misura Queste rarissime foto immortalano una timida Lady Diana alle prese con dei ballerini d'eccezione

Le affascinanti immagini della sepoltura dei martiri medievali tra oro e pietre preziose

40.706
Advertisement

Se pensate che solo i faraoni venissero sepolti nelle loro tombe ricoperti di oro e pietre preziose, vi sbagliate.

Paul Koudounaris, ironicamente soprannominato Indiana Bones ("bones" in italiano significa "ossa"), è un esploratore con una macabra passione per gli scheletri (ai quali è dedicato il suo blog "Empire de la Mort"). 

L'esploratore californiano ha recentemente condiviso una straordinaria documentazione fotografica di ossa e reliquie presenti nelle chiese europee.

Vediamole insieme...

Gli scheletri sono i protagonisti di un nuovo libro di Paul Koudounaris che cerca di far luce sulle reliquie ingioiellate

Decine di scheletri provenienti dalle catacombe romane furono spostati per ordine del Vaticano

Advertisement

Le reliquie sono state spostate nelle chiese di città tedesche, austriache e svizzere

Allo scopo di sostituire gli scheletri e i cimeli distrutti in seguito alla Riforma protestante del 1500

I resti sono stati riccamente decorati dai seguaci devoti con una quantità di oro, argento e pietre preziose

Advertisement

I gioielli non celebravano i martiri, ma servivano più che altro per illustrare ai fedeli la ricchezza della vita dopo la morte, se si fossero guadagnati il Paradiso

I corpi erano accuratamente ricomposti e vestiti con costumi ricchi e sfarzosi

Advertisement

E adornati con parrucche, corone, gioielli

Dopo il periodo barocco, gli scheletri furono nascosti

Advertisement

Senza essere mai più esposti, conservati in scatole o in stanze con ingresso vietato al pubblico

Rivedendo la luce grazie al lavoro e alla curiosità dell'archeologo californiano

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie