Una donna trova un biglietto offensivo sulla macchina: la sua risposta fa il giro del mondo - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Una donna trova un biglietto offensivo…
Crea degli stupendi alberi di natale con oggetti che di solito butti via Un fotografo ci racconta come e dove dormono i bambini siriani in fuga dalla guerra

Una donna trova un biglietto offensivo sulla macchina: la sua risposta fa il giro del mondo

187.864
Advertisement

La disonestà con cui purtroppo ci troviamo spesso a fare i conti, può avere come triste conseguenza quella di renderci estremamente sospettosi ed inclini a notare un inganno o un'infrazione anche laddove non ci sono.

È ciò che è accaduto a Justine Van der Borne, una donna di mezza età che un giorno si è recata al centro commerciale per trascorrere qualche ora in compagnia di sua figlia.

Arrivata nel parcheggio, ha posteggiato l'auto sul posto riservato ai disabili, ed al suo ritorno ha trovato un biglietto anonimo sul finestrino con un messaggio ironico e molto crudele: "hai dimenticato la tua sedia a rotelle???"

Arrabbiata, delusa e impotente, Justine ha deciso di rispondere pubblicamente al suo accusatore tramite Facebook, con delle parole che hanno fatto il giro del mondo.

"Hai dimenticato la tua sedia a rotelle???"

immagine: facebook

Alla persona che ha lasciato questo sulla mia macchina al Mitcham Shopping Centre:

Mi è stata diagnosticata la sclerosi multipla quando avevo 35 anni. Non una semplice sclerosi, ma la forma più devastante, che non può essere guarita e che sta lentamente paralizzando la mia vita. I miei figli si sono trovati a gestire cose che nessun ragazzo dovrebbe mai gestire.

Quando tu mi hai visto ero in una giornata buona, stavo camminando con mia figlia senza supporto e mi sentivo in forma.

Grazie per aver rovinato tutto.

Mi hai fatto sentire osservata, che è proprio la sensazione che provo quando cammino a stento. Sono esausta di persone come te che devono offendermi solo perché faccio uso di una comodità alla quale ho pienamente diritto.

Essere disabile non significa necessariamente stare su una sedia a rotelle, ma ti solleverà pensare che un giorno io ci starò.

Al momento il mio traguardo è riuscire a camminare il giorno del matrimonio dei miei migliori amici senza essere sostenuta. Avrò 42 anni.

Prima che tu rovini il giorno di qualcun altro, ricorda che non sei il possessore della verità e che solo perché tu non riesci a vederlo non significa che una persona non sta facendo uno sforzo enorme per mettere un piede davanti all'altro.

Tags: CommoventiEtici
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie