Arrivano le prime foto di Psyche dallo spazio: la missione NASA ha già percorso 26 milioni di km

Gianmarco Bonomo image
di Gianmarco Bonomo

18 Dicembre 2023

Arrivano le prime foto di Psyche dallo spazio: la missione NASA ha già percorso 26 milioni di km
Advertisement

La missione Psyche della NASA ha preso il via con il suo lancio dal Kennedy Space Center a inizio ottobre 2023. La sonda dovrebbe raggiungere il suo obiettivo nel 2029, ma ha già percorso milioni di chilometri nello spazio e superato i primi test con successo. In più, Psyche ha anche inviato le prime immagini dallo spazio alla Terra, un risultato eccezionale.

L’importanza della missione Psyche

L’importanza della missione Psyche

NASA/JPL-Caltech/ASU

La missione Psyche prende il nome dall’omonimo asteroide appartenente alla fascia principale. Si tratta nello specifico di uno dei corpi celesti più grandi che si trovano in orbita fra Marte e Giove, con i suoi 250 chilometri di diametro. La particolarità di Psyche è che si tratta di un asteroide metallico che però rappresenta più di una semplice roccia nello spazio.

Questo corpo celeste potrebbe infatti rappresentare un nucleo planetario privato dei suoi strati esterni a causa di una collisione. Inoltre, la sua composizione mostra una relativa scarsità di ossidi di ferro, caratteristica peculiare che vale la pena approfondire. Ed è proprio questo il compito della missione Psyche, partita a ottobre dalla Terra e già lontana 26 milioni di chilometri da noi. Gli scienziati della NASA sono ansiosi di comprendere meglio la formazione del nostro sistema solare, grazie alle scoperte su Psyche. E nel frattempo?

Advertisement

Una missione spaziale entrata nel vivo

Una missione spaziale entrata nel vivo

NASA/SDO

Una missione spaziale non è semplice da organizzare e portare avanti, come potremmo aspettarci dai film di fantascienza. Al contrario è formata da tante parti, piccole e grandi, che devono funzionare insieme, bene e a lungo. Fin dall’inizio della missione, il team di Psyche ha preparato i sistemi della sonda per raggiungere importanti traguardi. Che l’obiettivo sia lontano ancora diversi anni non vuol dire che sia permesso adagiarsi sugli allori.

I primi milioni di chilometri hanno quindi costituito il momento perfetto per effettuare dei test di funzionamento della sonda. Ma questi test hanno anche rivelato qualcos’altro. L’accensione del magnetometro ha fornito dati fondamentali per comprendere come approcciare l’asteroide. Allo stesso tempo, ha rilevato però eruzioni solari lontane milioni di chilometri. L’uso dei propulsori a effetto Hall ha mostrato come portare Psyche sull’asteroide in modo efficiente. Infine, il sistema DSOC ha trasmesso la prima comunicazione ottica dallo spazio interplanetario alla Terra della storia, percorrendo 16 milioni di chilometri.

Le prime foto di Psyche dallo spazio

Le prime foto di Psyche dallo spazio

NASA/JPL-Caltech/ASU

E adesso sono anche arrivate le prime foto dello spazio da parte della sonda Psyche. Certo, ancora non sono quelle che ritraggono l’asteroide omonimo, ma ci offrono uno sguardo privilegiato sui test di cui parlavamo prima. Mentre Psyche vola verso la fascia principale degli asteroidi, il suo sistema di imaging ha scattato 68 foto della costellazione dei Pesci.

L’occasione è stata utile per verificare il funzionamento di questo importantissimo apparato, senza il quale potremmo avere ben pochi dati visivi. Inoltre, il sistema di filtri multispettrali delle telecamere fornirà dati essenziali per comprendere la topografia, la composizione e la geologia dell’asteroide. L’obiettivo è quello di riuscire a creare mappe tridimensionali della superficie di Psyche.

Da questo punto di vista, la missione della NASA è già un mezzo successo: per i viaggi nello spazio, infatti, le aspettative di successo sono sempre meno ottimistiche del previsto. Nel frattempo, attendiamo il 2029, quando Psyche entrerà finalmente in orbita attorno all’asteroide e inizierà a trasmettere i dati che avremo atteso per ben sei anni. E magari riuscirà anche a darci risposte sulla formazione dei pianeti del Sistema Solare, miliardi di anni fa.

Advertisement