Presentato il primo progetto al mondo che consentirà di scegliere l'aspetto dei propri figli

Francesca Argentati

14 Dicembre 2022

Presentato il primo progetto al mondo che consentirà di scegliere l'aspetto dei propri figli
Advertisement

Molte coppie desiderano un figlio e, alcune di esse, sognano che sia un maschietto piuttosto che una femminuccia o viceversa, ma in fondo l'unica cosa importante è che sia in salute. Immaginare di poterne scegliere il genere o persino i tratti somatici è pura fantascienza, o almeno così è sempre stato. Un laboratorio di Berlino lo ha infatti reso realtà: dopo 50 anni di ricerche scientifiche, diventerà possibile decidere l'aspetto del bambino tramite un apposito menù. Scopriamo di più.

via The Economic Times

Advertisement

Il laboratorio berlinese EctoLife è una creazione del divulgatore scientifico e biotecnologo Hashem Al-Ghaili, realizzata dopo cinque decenni di ricerche d'avanguardia. L'idea nasce per consentire alle coppie con problemi di fertilità di avere dei figli, ma con una innovativa possibilità: scegliere i tratti somatici e, dunque, l'aspetto del bambino consultando un menù. EctoLife potrebbe far nascere circa 30.000 bambini ogni anno e, attraverso uno speciale "pacchetto elite", permetterebbe ai genitori di selezionare il colore degli occhi e dei capelli, ma non solo: è possibile specificare anche l'altezza e l'intelligenza, oltre alla forza fisica.

"Presentiamo EctoLife, la prima struttura al mondo di questo tipo alimentata interamente da energia rinnovabile" ha dichiarato Al-Ghaili. Secondo il biotecnologo, la sua soluzione potrebbe risollevare le sorti non solo delle donne con problemi di riproduzione, ma anche quei Paesi soggetti a un elevato calo della popolazione.

Hashem Al-Ghaili/Youtube

L'unico ostacolo al suo obiettivo sono problemi di natura etica, che stanno impedendo al suo progetto di diventare una realtà a tutti gli effetti. "Ogni singola caratteristica menzionata nel concetto è basata al 100% sulla scienza ed è già stata raggiunta da scienziati e ingegneri. L'unica cosa rimasta è costruire un prototipo combinando tutte le funzionalità in un unico dispositivo. In termini di tempo, dipende molto dalle linee guida etiche. In questo momento, la ricerca sugli embrioni umani non è consentita oltre i 14 giorni. Se queste restrizioni venissero allentate, entro 10 o 15 anni EctoLife sarà ampiamente utilizzato ovunque. Aggiungete a ciò cinque anni di sensibilizzazione e istruzione pubblica per aiutare le persone a diventare più ricettive alla tecnologia."

L'intera struttura ospita 75 laboratori con 400 capsule di crescita ognuno, le quali simulano artificialmente le naturali condizioni di sviluppo di un embrione. Tramite uno schermo collegato anche a una specifica applicazione smartphone, è possibile monitorare in tempo reale i progressi del bambino.
"Ogni capsula di crescita è dotata di sensori in grado di monitorare i segni vitali del tuo bambino, tra cui battito cardiaco, temperatura, pressione, frequenza respiratoria e saturazione di ossigeno. Il sistema basato sull'intelligenza artificiale monitora anche le caratteristiche fisiche del tuo bambino e segnala eventuali anomalie genetiche."

Advertisement

Hashem Al-Ghaili/Youtube

Inoltre, in base alla teoria che i bambini inizino ad apprendere la lingua ascoltando la voce della madre, le capsule di EctoLife sono munite di altoparlanti che riproducono parole, suoni e musica. "Il nostro obiettivo è fornirti una progenie intelligente che rifletta davvero le tue scelte intelligenti. E se vuoi che il tuo bambino si distingua e abbia un futuro migliore, il nostro pacchetto Elite ti offre l'opportunità di modificare qualsiasi tratto del tuo bambino attraverso una vasta gamma di oltre 300 geni. Ti consente anche di correggere eventuali malattie genetiche ereditarie che fanno parte della tua storia familiare."

Un progetto senza dubbio di estrema avanguardia: tu cosa ne pensi? Una soluzione accettabile o che oltrepassa ogni limite?

Advertisement