Hai notato problemi di memoria e concentrazione? La colpa potrebbe essere del "virus della stupidità" - Curioctopus.it
x
Hai notato problemi di memoria e concentrazione?…
10 cose dell'essere maschi che agli uomini non piacciono Questa giovane donna ha speso 5000 dollari per ingrandire le sue labbra ma non vuole ancora fermarsi

Hai notato problemi di memoria e concentrazione? La colpa potrebbe essere del "virus della stupidità"

02 Marzo 2022 • di Francesca Argentati
2.015
Advertisement

Ti è mai capitato di notare un cambiamento nelle tue capacità intellettuali? Il tempo che passa e lo stile di vita possono influire sulle nostre funzioni cognitive e compromettere aspetti come la memoria e la capacitò di concentrazione. Di solito, davanti a questi piccoli deficit, si punta il dito contro l’età che avanza o l’eccessivo stress dovuto ai ritmi di vita troppo frenetici, alla mancanza di sonno o a un’alimentazione povera di fosforo.

In realtà, secondo una ricerca americana, in alcuni casi - circa la metà - potrebbe essere tutta colpa di un virus.

via: Daily Mail

La ricerca ha coinvolto gli studiosi dell’Università del Nebraska e della Johns Hopkins Uiversity di Baltimora e ha individuato un virus in grado di compromettere i geni cerebrali in modo sensibile.

Il test ha coinvolto 92 volontari, sottoposti a dei tamponi faringei: 40 di essi mostravano la presenza del clorovirus ATCV-1. Gli individui risultati positivi, evidenziavano un calo delle funzioni cerebrali rispetto agli altri, con risultati peggiori nei test di intelligenza che erano stati calibrati in base al livello di istruzione e all’età dei partecipanti.

Secondo questi dati, la metà degli esseri umani potrebbero essere portatori inconsapevoli del “virus della stupidità”.

I ricercatori hanno trovato conferma della correlazione tra il virus e la riduzione delle capacità mentali iniettando il virus in topi da laboratorio, che hanno riportato un effettivo calo della memoria, della capacità di riconoscimento e della consapevolezza spaziale.

Gli esami hanno mostrato come il virus avesse valicato la barriera tra sangue e tessuto, raggiungendo alcuni geni cerebrali, tra cui quelli che si occupano della produzione di dopamina.

Ma da dove proviene il virus? Prima di questa ricerca, l’ATCV-1 era già conosciuto per la sua presenza nelle alghe verdi tipiche dei laghi d’acqua dolce.

Il primo a individuarlo era stato James Van Etten, biologo dell'Università del Nebraska che per primo ha identificato il virus nelle alghe.

Il team di ricerca non ha stabilito in modo chiaro come il virus raggiunga la gola degli esseri umani: dal momento che a infettarsi non sono soltanto gli appassionati di nuoto, si potrebbe escludere che la causa sia il contatto diretto con le alghe.

L’ipotesi alternativa è che le persone abbiano sviluppato il clorovirus da tempo, senza che però venisse mai individuato nell’organismo umano.

Il professor Robert Yolken della John Hopkins, autore dello studio, ha dichiarato che sono milioni i virus inesplorati che albergano il nostro corpo: "Stiamo davvero iniziando a scoprire cosa potrebbero effettivamente fare alcuni di questi agenti che portiamo in giro. Penso che sia l'inizio di un altro modo di considerare gli agenti infettivi, non quelli che entrano, fanno molti danni e poi se ne vanno, come l’Ebola o l'influenza. Questi sono agenti che ci portiamo dietro per molto tempo e che possono avere effetti sottili sulla nostra cognizione e comportamento.”

Dal momento che non sono chiare le cause del contagio, se si decide di fare un bagno nel lago meglio tenersi a distanza dalle alghe verdi.

 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie