Perché i nostri nonni allargavano i denti della forchetta? Ti raccontiamo il motivo - Curioctopus.it
x
Perché i nostri nonni allargavano i…
Disastri culinari: 15 foto di piatti per niente invitanti che ti fanno passare l'appetito Rapina una banca, poi esce fuori e deposita i soldi al bancomat: arrestato

Perché i nostri nonni allargavano i denti della forchetta? Ti raccontiamo il motivo

22 Dicembre 2021 • di Marcello Becca
18.114
Advertisement

Ci sono delle usanze che nel nostro Paese sono durate per secoli, ma che si sono perse in questi ultimi cento anni. Ad esempio, è il caso della tradizione di allargare i denti della forchetta tipica nelle campagne pugliesi.

Perché i nostri nonni facevano questa operazione? Cosa significava? E perché oggi non ha più senso farlo? Andiamo alla scoperta di alcune delle nostre tradizioni più sconosciute e su cui gli storici tradizionali non hanno scritto o detto molto.


Nelle campagne italiane, i nostri nonni hanno patito la fame. Non erano molte le famiglie che potevano permettersi un pasto completo, dal primo alla frutta. La maggioranza dei contadini si limitavano a pasti frugali. L’alimentazione fine '800 delle classi povere italiane era insufficiente al normale bisogno energetico. Il menu era piuttosto scarso e poco nutriente. Le nostre nonne contadine, in alcune aree del Paese, preparavano cibi a base di sola erba selvatica e acqua, mentre il pane costituiva una pietanza di vero lusso.

Al Sud l’alimento principale era il pane di frumento che poteva essere accompagnato, più spesso che al Nord, da ortaggi quali fave, cavolfiori, olive, la cui produzione era maggiore. Vi erano comunque anche nel meridione molte situazioni drammatiche, come nelle campagne pugliesi, dove i contadini, dopo una giornata di lavoro, potevano nutrirsi soltanto di pane inzuppato in acqua bollita e condita con qualche goccia d’olio.

immagine: Flickr

I contadini del primo Novecento mangiavano in grandi piatti comuni posti al centro del tavolo. Naturalmente, chi era più veloce a mangiare mangiava di più. Ecco, allora, che avere una forchetta più "ampia" permetteva loro di raccogliere più pietanza dal piatto. Si trattava di un piccolo trucco per poter approfittare del cibo in misura maggiore (o, per lo meno, averne la sensazione). Purtroppo, le carenze alimentari si sono protratte per anni anche nel periodo successivo, quando alcuni alimenti - come la carne e il pane bianco - erano considerati come beni per pochi.

Una tradizione, questa della forchetta allargata, che racconta di un difficile passato neanche troppo lontano. Conoscevate questa storia?

 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie