La camera più silenziosa al mondo: dopo alcuni minuti al suo interno inizi ad avere allucinazioni - Curioctopus.it
x
La camera più silenziosa al mondo:…
I nonni non sono babysitter e non sono obbligati a prendersi cura dei nipoti Alcune persone fanno più fatica di altre ad essere felici: la psicologia ci spiega perché

La camera più silenziosa al mondo: dopo alcuni minuti al suo interno inizi ad avere allucinazioni

08 Dicembre 2021 • di Irene Grazia Paladino
3.977
Advertisement

Hai mai pensato a cosa si provi a non sentire nulla? Tutti noi abbiamo sperimentato il silenzio, anche se questo non era mai totale. Prima di addormentarci, nella nostra stanza al buio, riusciamo comunque a percepire dei rumori: le lancette dell’orologio, i passi in lontananza, le auto in strada. In Minnesota, negli Orfield Laboratories, è stato creato il posto più silenzioso al mondo: è una stanza, chiamata “anecoica”. Il termine significa “privo di eco”. In questa stanza, infatti, la riflessione di segnali sulle pareti è ridotta al minimo: non si sente assolutamente nulla.

 


immagine: orfieldlabs

Questa camera è stata progettata talmente bene che, al suo interno, il tempo sembra non trascorrere mai. La stanza non è stata progettata per mettere in difficoltà le persone ma viene usata dalle aziende per testare i propri prodotti e capire quanto siano rumorosi. Ti basti pensare che la NASA ha inviato i suoi astronauti per aiutarli ad adattarsi al silenzio dello spazio. Il silenzio è disorientante: dopo qualche minuto si iniziano a sentire rumori a cui prima non hai mai prestato particolare attenzione. Il fondatore della camera ha detto: “Sfidiamo le persone a sedersi nella camera al buio: una persona è rimasta lì per 45 minuti. Quando è tranquillo, le orecchie si adatteranno. Più silenziosa è la stanza, più cose senti. Sentirai il tuo cuore battere, a volte puoi sentire i tuoi polmoni, sentire il tuo stomaco gorgogliare rumorosamente. Nella camera anecoica, tu diventi il ​​suono."

Il massimo sopportato da un uomo è stato di 45 minuti: il cervello inizia a sperimentare grandi livelli di stress, dovuti alla totale assenza di stimoli sensoriali. Le luci vengono spente e si rimane totalmente al buio: non è facile mantenere il senso dell’orientamento, e si inizia a percepire un grande senso di smarrimento, che può condurre - nei casi più estremi - a sperimentare delle allucinazioni dovute all'assenza di stimoli sensoriali. Fortunatamente, però, l’obiettivo della camera - come accennato sopra - è un altro. Proveresti l’esperienza di entrare nella stanza più silenziosa al mondo?

 

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie