Donna riceve lo sfratto da casa perché la figlia di 18 mesi non smette di piangere - Curioctopus.it
x
Donna riceve lo sfratto da casa perché…
Niente tacchi e gonne strette: questa compagnia aerea fa indossare alle hostess pantaloni e scarpe comode Cina: presentata la proposta di legge per punire i genitori dei bimbi che si comportano male a scuola

Donna riceve lo sfratto da casa perché la figlia di 18 mesi non smette di piangere

20 Ottobre 2021 • di Marcello Becca
1.188
Advertisement

Essere genitori è un lavoro a tempo pieno estremamente complesso e stancante, a maggior ragione se si è una mamma o un papà single. Purtroppo, una giovane mamma si è trovata in difficoltà quando la sua piccola di 18 mesi ha cominciato a piangere giorno e notte senza motivi apparenti.

Una situazione difficile visto che non sono mancate le lamentele dei vicini, svegliati nel cuore della notte dalle urla della bambina. Ora, la giovane donna rischia di perdere la casa dato che il proprietario ha deciso di sfrattarla per le numerose proteste nel condominio.

via: reddit

Si sa, i neonati possono piangere molto spesso nell’arco della giornata. Il pianto effettivamente, è l’unico strumento di comunicazione che il bambino ha a sua disposizione per comunicare i suoi bisogni. Tutti ma proprio tutti i neonati piangono per una ragione specifica. A volte perché si sentono soli mentre altre volte semplicemente perché sono stanchi. Piangono se non sopportano il caldo o il freddo. Tuttavia, una mamma inglese si è trovata alle strette quando la sua piccola di 18 mesi sembrava non voler smettere di piangere. Dopo ore trascorse così, sia di notte che di giorno, la mamma ha confessato di voler “semplicemente scappare” visto che ormai aveva provato di tutto per far tranquillizzare la bambina.

Proprio a causa di questi pianti ripetuti della neonata, la donna rischia di essere sfrattata dall’appartamento in cui vive. I vicini e il proprietario di casa, infatti, non sopportano più di non poter dormire la notte. La mamma però non sembra troppo preoccupata per la salute di sua figlia, preferendo pensare che si tratta semplicemente di piccoli capricci innocenti: "È così viziata che urla per assolutamente tutto ed è sempre in giro, si lancia in giro e urla. È come un furetto posseduto ed è costantemente a rischio di farsi male", ha infatti raccontato sui social.

"Senza nessun preavviso si sveglia durante la notte e si mette a piangere talmente forte da svegliare l’intero vicinato. Spesso i pianti si prolungano fino alle prime ore del mattino, lasciando senza sonno tutti gli abitanti del palazzo. Una situazione difficile che ormai nessuno sembra più sopportare.” A complicare le cose è la situazione finanziaria della giovane mamma, che non può permettersi di perdere la casa. "Per via delle mie disponibilità economiche faccio fatica a trovare un altro posto da affittare, perciò devo capire per quale motivo mia figlia continui ad avere queste crisi notturne."

"Amo mia figlia alla follia" ha aggiunto la mamma, "ma sto davvero lottando per farcela e mi sento come se fossi sull'orlo di un crollo mentale, voglio solo sapere come farla smettere di urlare". La donna ora ha solo due mesi per cercare di risolvere la soluzione prima dato che il proprietario le ha dato un ultimatum prima dello sfratto definitivo. Fortunatamente, dopo aver letto la storia di questa mamma, sono molti gli utenti del web che hanno cercato di dare consigli per capire come agire. Sono in molti che hanno suggerito di portare la piccola da uno specialista visto che queste crisi possono essere legate a dei problemi medici.

Sui social, la mamma ha poi pubblicato un nuovo post per ringraziare tutte le persone che le sono state vicine e che aveva prenotato una visita dal pediatra per la piccola neonata. Nell’attesa di conoscere l’esito della visita medica, auguriamo solo il meglio a questa mamma single che rischia di perdere la propria abitazione.

Tags: BambiniAssurdiStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie