"Mio figlio ha distrutto la mia carriera e il mio matrimonio": lo sfogo di una mamma - Curioctopus.it
x
"Mio figlio ha distrutto la mia carriera…
Un pipistrello vola per oltre 2.000 km da Londra alla Russia: la straordinaria impresa di questo Scoperti quattro mazzi di fiori nei pressi della piramide di Teotihuacan: risalgono a 1800 anni fa

"Mio figlio ha distrutto la mia carriera e il mio matrimonio": lo sfogo di una mamma

04 Settembre 2021 • di Irene Grazia Paladino
7.093
Advertisement

Accogliere un figlio nella propria vita significa assumersi il rischio che le proprie abitudini possano cambiare. I figli ti cambiano la vita, sia da un punto di vista positivo che da un punto di vista negativo. Una donna, su reddit, ha raccontato la propria frustrazione in un lungo sfogo: sapeva che, una volta diventata mamma, la sua vita sarebbe stata diversa; non si aspettava però che non avrebbe più avuto tempo da dedicare a se stessa. 

via: Mirror

La donna ha raccontato infatti che avere un figlio le ha tolto il tempo per tutto il resto, che ha rovinato la sua carriera, la sua relazione e la sua salute mentale. La donna, che ha mantenuto l’anonimato, ha detto non ha più il tempo per mangiare in tranquillità, per trascorrere del tempo con suo marito, per svolgere il suo lavoro. La donna si è quindi rivolta a Reddit in cerca di aiuto: questa situazione è normale oppure suo figlio è particolarmente esigente? La donna ha scritto: "Mi chiedo solo se qualcun altro si sente come se non avesse più una vita propria quando ha un bambino - 24 ore su 24, 7 giorni su 7, sono alla mercé di mio figlio senza tregua. Sono un genitore casalingo. Ho terminato la mia carriera quando ho avuto mio figlio tre anni fa perché gli asili nido mi spaventano."

"Mio marito ha una carriera piuttosto impegnativa, ma fa tutto il possibile quando è a casa. Non abbiamo più una relazione al di fuori della genitorialità. Si sente allo stesso modo, come se il nostro bambino dettasse tutto. Un pasto, una conversazione, un momento, non possono esistere senza che nostro figlio urli, piagnucoli, ci spinga un giocattolo in faccia, ecc. Parliamo a malapena più a meno che non si tratti di lui, a causa di quanto sia esigente. Non gioca affatto in modo indipendente e ha bisogno di intrattenimento costante. Il 100% di tutto ciò che faccio riguarda nostro figlio. Ho rinunciato a tutti i miei hobby o a qualsiasi cosa mi piacesse per lui perché semplicemente non posso farli con lui in giro."



La donna poi continua: "Tutto il giorno, il 100 per cento del tempo, riguarda lui. So che ho scelto di avere un figlio - non riguarda più me, ma sento di non avere più senso dell'identità o di me stesso perché mi dedico completamente a il mio bambino.” Molte altre mamme hanno rassicurato la donna, dicendole che anche loro si sono trovate nella stessa situazione; altre persone hanno invece suggerito di rivolgersi ad un asilo o di chiedere aiuto ad amici e parenti. La genitorialità non deve essere associata all’ansia, ed essere mamma non significa annullare la propria persona e rinunciare alla propria relazione coniugale e al proprio lavoro. Se fossi al posto della donna, cosa faresti? 

Tags: BambiniFamigliaStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie