In Turchia è stata portata alla luce un’arena romana simile al Colosseo: ospitava i combattimenti dei gladiatori - Curioctopus.it
x
In Turchia è stata portata alla luce…
Svizzera: un team di scienziati sviluppa una tecnologia 3D per stampare un pancreas in soli 30 secondi Un escursionista si perde tra i monti e viene salvato grazie a una foto dei suoi piedi

In Turchia è stata portata alla luce un’arena romana simile al Colosseo: ospitava i combattimenti dei gladiatori

22 Aprile 2021 • di Irene Grazia Paladino
1.061
Advertisement

In Turchia, sulle colline dell’antica città di Mastaura, nella provincia occidentale di Aydin, gli archeologi hanno fatto una scoperta sorprendente: hanno trovato i resti di un’arena romana che risale circa a 1.800 anni fa e che poteva ospitare circa 20.000 spettatori. La somiglianza con il Colosseo di Roma è evidente, nonostante l'arena trovata in Turchia sia decisamente più piccola. Questa ospitava le partite dei gladiatori e le lotte di animali. Nel corso degli anni l’arena è diventata testimone dello scorrere del tempo: la maggior parte dell’anfiteatro è infatti sotterranea e la parte visibile si è coperta di terra e vegetazione selvatica.

La scoperta è unica, in quanto non esiste un anfiteatro simile in Anatolia o nelle sue vicinanze. Gran parte della struttura sotterranea è molto ben conservata, gli studiosi hanno affermato che sembra appena costruita. Ciò che è rimasto fuori dalla terra invece si è in parte sgretolato. L’arena è stata scoperta nell’estate del 2020, dopo che gli archeologi hanno ricevuto il permesso dal Ministero della Cultura e del Turismo turco per condurre delle ricerche in quell’area. Inizialmente era visibile un’immensa muratura in pietra che sbucava dal terreno.

I ricercatori hanno quindi iniziato a pulire l’area e a studiare il sito: hanno abbattuto la vegetazione e hanno iniziato a proteggere la struttura. Si suppone che l'arena risalga al 200 d.C. e che venne costruita durante la dinastia dei Severi, sotto la quale la città di Mastaura aveva avuto un notevole sviluppo.

Advertisement

Si suppone inoltre che l’arena abbia attratto spettatori anche dalle città dell’Anatolia occidentale: non è difficile immaginare come gli abitanti delle città limitrofe o lontane accorressero sul luogo per assistere ai grandi eventi che si tenevano in questa imponente struttura. Gli studiosi hanno trovato alcune fila di sedili: l’arena poteva ospitare tra i 15.000 e i 20.000 spettatori, quindi certamente più piccola del Colosseo di Roma che poteva contenere circa 50.000 persone.  

Nonostante le diverse dimensioni, anche nell’arena romana trovata in Turchia si assisteva a combattimenti molto duri di gladiatori e di animali. Vi erano anche delle aree con funzioni precise, come la sala d’attesa dei gladiatori e le sale in cui si intrattenevano gli spettatori privati. L’obiettivo dei ricercatori ora è quello di preservare la struttura, di compiere delle azioni per mettere in salvo le pietre che stanno cedendo e per sistemare le creme nei muri. 

Sono già state fatte delle scansioni laser dell’arena in modo da realizzarne un’immagine in 3D che permetta di avere una visione globale dell’edificio e i ricercatori stanno delle indagini geofisiche in modo studiare le parti sotterranee.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie