Era un senzatetto, oggi è il primo uomo a vivere in una casa costruita grazie alla stampa 3D - Curioctopus.it
x
Era un senzatetto, oggi è il primo…
21 designer che avrebbero bisogno di prendersi una vacanza dopo quello che hanno fatto 16 foto di persone che hanno seguito le indicazioni così alla lettera da meritare un premio

Era un senzatetto, oggi è il primo uomo a vivere in una casa costruita grazie alla stampa 3D

12 Aprile 2021 • di Irene Grazia Paladino
2.322
Advertisement

Il mondo delle costruzioni e dell’edilizia sembra in procinto di subire una trasformazione radicale grazie alla stampa 3D. Il 3D Printing è una tecnologia presente del mondo da molti anni, ma adesso è entrata nel settore dell’edilizia e i risultati sono a dir poco sbalorditivi. Tim Shea, un uomo di 70 anni, ha avuto un passato difficile segnato da dipendenze e da notti in strada: adesso è la prima persona negli Stati Uniti a vivere in una casa costruita grazie a questa tecnologia.

via: nypost.com

La casa si trova nel Community First! Village, una comunità che ospita case per i senzatetto e che conta più di 500 alloggi. L’azienda Icon ha portato la sua tecnologia della stampa 3D nel villaggio con la speranza di creare una comunità e di dare una casa stabile alle persone meno fortunate. La casa di Tim è di circa 40 metri quadrati: ha una camera da letto, un bagno, una cucina, un soggiorno e un grande portico. 

L’obiettivo dell’azienda, lo afferma l’amministratore delegato Jason Ballard, è quello di creare alloggi dignitosi accessibili a tutti e in qualsiasi luogo. I materiali utilizzati per la costruzione sono considerati più resistenti agli eventi atmosferici rispetto alle case costruite tradizionalmente.

Advertisement

Prima di trasferirsi in questa bellissima e accogliente casa, Tim ha vissuto per strada e in un camper. Se prima Tim non si sentiva al sicuro e tendeva ad isolarsi, oggi non potrebbe sentirsi più a suo agio di così. La sua casa è più di un tetto sopra la testa, è un luogo che dà protezione. Non ci sono spazi stretti, tutto è arrotondato e confortevole e la casa è calda e accogliente: sembra quasi abbracciarlo. Tim ha infatti scelto un open space: soffre di artrite e ritiene che, in futuro, dovrà muoversi con l'aiuto di una sedia a rotelle. L’uomo non avrebbe immaginato che, con il suo passato, avrebbe potuto vivere in un luogo così bello, un vero e proprio “miracolo”.

Quando Tim ha scoperto che sarebbe stato la prima persona in America a trasferirsi in una casa costruita grazie alla stampa in 3D, si è ritenuto estremamente fortunato. La vita di Tim è ora radicalmente cambiata: si è lasciato le paure alle spalle ed è pronto a vivere in questa casa, che per lui rappresenta sicurezza, speranza, calore.

Advertisement

Lascia il tuo commento!

Advertisement
Advertisement

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie