Una donna restituisce alcuni manufatti che ha rubato a Pompei: le hanno portato una tremenda sfortuna, sostiene - Curioctopus.it
x
Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza i cookies. Continuando a navigarlo acconsenti al loro uso in conformità alla nostra privacy policy Ok
x
Una donna restituisce alcuni manufatti…
17 nonni che con i loro piccoli gesti hanno rivelato un amore incondizionato per i propri nipoti 15 foto mostrano alcuni errori epici commessi dalle persone per ingenuità o distrazione

Una donna restituisce alcuni manufatti che ha rubato a Pompei: le hanno portato una tremenda sfortuna, sostiene

10 Gennaio 2021 • di Claudia Melucci
2.646
Advertisement

L'ufficio del parco archeologico di Pompei si è visto recapitare una busta insolita: all'interno c'erano frammenti di manufatti riconducibili ai reperti dell'antica cittadina sommersa dal materiale eruttato dal Vesuvio nel 79 d.C. e una lettera di una donna canadese che aveva visitato il sito diversi anni prima. La donna nella lettera ammette di aver rubato nel parco durante la visita guidata, ma che ora si pente di averlo fatto al punto di volersi sbarazzare completamente del bottino: secondo lei i "souvenir" illeciti sono la causa della sconvolgente serie di eventi sfortunati che ha colpito la sua famiglia.

via: CNN
immagine: pixabay

La cittadina di Pompei è uno dei siti archeologici più visitati dell'Italia: qui si può compiere un vero e proprio viaggio nella Storia, grazie all'incredibile integrità delle strade e delle strutture, ma anche farsi un'idea della potenza naturale dei vulcani.

La donna, che si identifica con il nome Nicole, scrive nella lettera che ha inviato agli uffici del sito archeologico di aver visitato Pompei nel 2005, quando era "giovane e sciocca": per questo motivo dice di essersi appropriata in modo illecito di un "pezzo di storia che non si può comprare". La donna è tornata a casa con 5 manufatti: due tessere di mosaico bianche, due pezzi di un'anfora e uno di una ceramica.

immagine: pixabay

La donna dice di averla fatta franca, che nessuno si è accorta del suo furto, tranne la sfortuna: sostiene infatti che i reperti trafugati da Pompei abbiano causato a lei e a tutta la sua famiglia una serie di episodi sfortunati: ha avuto due tumori al seno che l'hanno costretta a sottoporsi a due mastectomie, mentre la sua famiglia capitombolava in un disastro finanziario. 

Secondo la turista i manufatti sono "impregnati" di tutta la negatività con cui la cittadina è stata travolta dall'eruzione del Vesuvio: "Siamo brava gente e non voglio che questa maledizione coinvolga la mia famiglia, i miei figli o me stessa di nuovo. Per favore, perdonate il mio gesto negligente che ho fatto anni fa."

Secondo l'ufficio, però, la lettera della signora Nicole non è unica nel suo genere: regolarmente l'ufficio si vede recapitare manufatti rubati in precedenza da turisti maleducati e che ora si pentono, convinti che il gesto abbia portato loro sfortuna e miseria.

Superstizione o no, questa vicenda di certo porta a riflettere due volte prima di volersi portare a casa un pezzo di Pompei!

Tags: ItaliaStoriaStorie
Advertisement

Lascia il tuo commento!

Ti è piaciuta questa storia?

Clicca su "mi piace" e non perderti le migliori.

×

Già sono fan, grazie